rotate-mobile
Politica

Parchi chiusi a Salerno, Caroccia e Dianese (FdI): "E' un errore, penalizzati soprattutto i disabili"

I due giovani dirigenti del partito di Giorgia Meloni chiedono al sindaco Vincenzo Napoli di fare un passo indietro e contemporaneamente di rafforzare i controlli

“L’ordinanza di chiusura dei parchi cittadini fino al giorno 3 dicembre è la conferma di come il sindaco del Comune di Salerno navighi a vista, dando spazio all’improvvisazione: non esiste alcuna strategia per il contenimento della diffusione del virus, ma semplicemente si tira a campare”. Lo sostengono, in una nota congiunta, il responsabile cittadino di Gioventù Nazionale Davide Dianese e il dirigente provinciale di Fratelli d’Italia Paolo Caroccia.

Le critiche

Per i due giovani esponenti del partito di Giorgia Meloni questa decisione “rischia di essere una misura troppo penalizzante per alcune categorie di cittadini, specialmente per coloro che presentano disabilità: già infatti il primo lockdown ha creato particolari disagi per quei cittadini che hanno bisogno di usufruire spazi all’aperto silenziosi e particolari. Non a caso - ricordano - 13 consiglieri comunali su 16 facenti parte della Commissione Statuto e Regolamento hanno chiesto al sindaco di rivedere questo provvedimento che rischia di incidere negativamente su categorie che soffrono particolarmente questo periodo”. Di qui l’appello finale: “Insomma auspichiamo che il sindaco di Salerno, faccia marcia indietro e riapra i parchi garantendo, però, maggiori controlli nel far fruire tali spazi a quei cittadini che necessitano di tali spazi aperti” concludono Dianese e Caroccia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parchi chiusi a Salerno, Caroccia e Dianese (FdI): "E' un errore, penalizzati soprattutto i disabili"

SalernoToday è in caricamento