rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Politica

Primarie Pd, Cozzolino sicuro: "Si faranno il 1 marzo, ora basta rinvii"

Quanto alla candidatura unitaria di Nicolais avverte: "Io credo che possa accettare sole se è il candidato unitario non di una parte del gruppo dirigente del partito"

Nonostante nelle ultime ore il nome unitario di Gino Nicolais sembra avanzare sempre di più , uno dei cinque candidati alle primarie in Campania Andrea Cozzolino arriva a Salerno per rilanciare la sua proposta politica in vista della sfida interna al Pd che – salvato clamorosi colpi di scena – dovrebbe svolgersi dopo il quarto rinvio il prossimo 1 marzo. Arrivato intorno alle 12 nel suo comitato elettorale di via Giacinto Vicinanza, l’ex braccio destro di Antonio Bassolino fa il punto sull’attuale situazione interna al centrosinistra confermando la sua candidatura alle primarie.

Si punta al primo marzo e stiamo lavorando in questo senso per garantire la massima partecipazione dei cittadini. Per noi - ha sottolineato Cozzolino - le primarie sono un primo appuntamento che anticipa la sfida vera del 17 maggio. Io credo che sia a un punto di svolta. Anche le riunioni che si sono svolte in queste ore dimostrano che non c’è alternativa al percorso che abbiamo collettivamente deciso in più riunioni di direzione e nell’assembea che abbiamo svolto nel lontano mese di giugno dello scorso anno. Il punto di non ritorno, dunque, per me è già stato superato. Ora vorrei che adesso tutto il gruppo dirigente del partito si renda conto che c’è un rapporto con i cittadini che viene prima degli interessi di ogni singolo candidato e dirigente del Pd”

Quanto alla possibile candidatura unitaria di Nicolais dice: “Stiamo parlando di una personalità nota, è stato assessore della Giunta Bassolino ora è presidente del Cnr. Io credo che Nicolais possa accettare sole se è il candidato unitario non di una parte del gruppo dirigente del partito”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie Pd, Cozzolino sicuro: "Si faranno il 1 marzo, ora basta rinvii"

SalernoToday è in caricamento