rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Politica

Lambiase (M5S): “Il sindaco Napoli pretenda da De Luca il rispetto del Pronto Soccorso”

La denuncia del consigliere comunale

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

“La sofferenza dei pronto soccorso ed in particolare quello dell’ospedale Ruggi d’Aragona è sotto gli occhi di tutti. In qualità di massima autorità cittadina sanitaria il sindaco di Salerno non può non rispondere al grande disagio in cui versa il personale sanitario del nosocomio, lo stesso che negli ultimi anni veniva lodato per la lotta al CoVid tra mille difficoltà; le ricadute sulla cittadinanza salernitana sono evidenti". Lo ha dichiarato, oggi, il capogruppo del M5S Catello Lambiase nel corso dell'assise municipale.  "E’ in atto una vera e propria fuga verso altri ospedali e verso posti in cui il lavoro di medici, infermieri, tecnici, OSS ed operatori tutti sia garantito sotto il punto di vista lavorativo e di sicurezza, dove alle difficoltà di un enorme carico di lavoro si sommano gli episodi noti alla cronaca di danni alle caldaie ed alle imposizioni insensate delle cariche dirigenziali, che rispondono ai diktat deluchiani. La sofferenza del Pronto Soccorso del nosocomio cittadino è il sintomo della cattiva gestione regionale, non la malattia. E’ come la febbre in una infezione. L’uso di antipiretici non risolve il problema alla radice, lo prolunga. La malattia cronica del sistema sanitario campano è duplice ed è tutta in capo alla più alta carica regionale, che, ricordiamo, detiene le deleghe sanitarie, ovvero è anche l’assessore regionale. Le due carenze ataviche si chiamano “abbandono della medicina territoriale” e “assenza di digitalizzazione”. Piuttosto che proporsi come novello elettricista per montare le luminarie il presidente di Regione si occupi di quello per cui è pagato: far funzionare la sanità il cui bilancio supera il 75% del totale. Il CoViD ci ha insegnato che dimenticare la medicina territoriale equivale a far soffrire gli ospedali; case della salute, ospedali di comunità sono al palo, solo parole vuote; nelle regioni dove sono partite (la Campania miseramente ultima - dati Gimbe- nonostante gli slogan elettorali) il numero di accessi è sceso del 25% come pure i ricoveri per patologie croniche. Emilia-Romagna batte Campania 200 a 0. Quanto alla digitalizzazione basta un dato: i cittadini che sono dotati di identità digitale sono 30 milioni e sono per lo più giovani e nonostante la Campania sia la regione più “giovane” d’Italia, la Regione non incentiva cittadini ed i medici di base al suo uso; in Campania la gestione caotica regionale ha fruttato un dato disarmante. Lo 0% dei medici di medicina generale che usano il Fascicolo Sanitario Elettronico- dati sempre Gimbe- in compagnia di Calabria, Abruzzo e Basilicata. In pratica la gestione De Luca (a parte i lanciafiamme e la chiusura totale di tutto senza fare nulla) quando si tratta di mettere da parte le chiacchiere e di fare i fatti i numeri rimangono impietosamente bassi, relegando la Campania sempre ultima nella classifica ed il conto salato lo pagano i cittadini salernitani: il sindaco Napoli pretenda il rispetto dovuto alla città di Salerno, operatori sanitari e cittadini sono esausti. Al sindaco chiedo di stare a sentire le analisi del GIMBE (Gruppo Nazionale della Medicina Basale sulle evidenze) e non le analisi di un politico a lui noto che analizza la Medicina sulla base delle chiacchiere” ha concluso Lambiase. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lambiase (M5S): “Il sindaco Napoli pretenda da De Luca il rispetto del Pronto Soccorso”

SalernoToday è in caricamento