De Luca torna "sceriffo", linea dura contro le prostitute e gli abusivi

Il governatore della Campania lancia un appello alle istituzioni per la sicurezza urbana. E, in primis, al sindaco Napoli: "Ti raccomando la litoranea"

De Luca

Vincenzo De Luca torna a vestire i panni dello “sceriffo” puntando nuovamente l’attenzione contro la prostituzione, i parcheggiatori abusivi e l’accattonaggio molesto nella città di Salerno. Il governatore è intervenuto sulla sicurezza urbana a margine della giornata di formazione sulla sicurezza stradale organizzata a Palazzo Sant’Agostino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le stoccate

In primis il presidente della Regione, con accanto il sindaco Enzo Napoli, prende di mira gli abusivi chiedendo di “fare un tentativo” al prefetto, Francesco Russo, seduto tra i relatori, per mandarli via: “C’è un parcheggiatore che apre l’ufficio alle cinque del pomeriggio davanti al Crescent, vicino a un ristorante. Manca solo che mette il prefabbricato e la biglietteria. Se lo togliamo da mezzo…”. I parcheggiatori abusivi, “squinternati”, sono “un po’ dappertutto”, spiega l’ex sindaco ricordando la loro presenza in occasione di “concerti, eventi sportivi allo stadio Arechi e in ogni buco della città”. Anche a piazza Sant’Agostino, dove “non so se ha ripreso l’attività uno del centro storico che scendeva e diceva “io ho due figli, tre figli, quattro figli, dieci figli”, attacca ribadendo la sua linea: “Premesso che li hai fatti tu i figli, ma non è che diamo il parcheggio abusivo a tutti quelli che hanno figli”. Il presidente della Giunta regionale, stigmatizzando, poi, il diffondersi “in maniera insopportabile di fenomeni di accattonaggio”, mostra la propria incredulità nell’assistere, “il mercoledì e il sabato mattina”, all’arrivo di questuanti a bordo di «pulmini che li scaricano» per piazzarsi “davanti a tutte le farmacie, le chiese, i supermercati”. “Io non credo che siano fenomeni spontanei di poveri che arrivano in città”, commenta De Luca che, seppur velatamente, dimostra di non gradire quanto si stia facendo neanche per arginare la prostituzione. “Abbiamo avuto una ripresa, anche sulla nostra litoranea» e le lucciole stanno «arrivando nel cuore della città”. Quindi, invoca “una stretta”. Tanto da dire, durante la foto di rito finale, al sindaco Enzo Napoli: “Ti raccomando la litoranea”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Elezioni regionali 2020: ecco chi è mister preferenze a Salerno città, i più votati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento