rotate-mobile
Politica

Protesta operai forestali, l'intervento di Stefano Caldoro

La regione Campania ha individuato nei fondi Fas e Psr risorse da destinare al comparto, ma ha ipotizzato anche il commissariamento per le comunità montane non gestite correttamente

Le comunità montane che non riusciranno a gestire e a spendere bene le risorse che ricevono potrebbero essere commissariate: questa una delle ipotesi al vaglio e individuata al termine di un incontro, tenutosi ieri a Salerno, tra il presidente della regione Campania Stefano Caldoro e il prefetto Gerara Maria Pantalone. Un incontro che ha inteso affrontare la questione degli operai idraulico - forestali, da giorni protagonisti di serrate proteste e al quale hanno preso parte anche rappresentanze sindacali e lavoratori.

La regione Campania ha individuato tra i fondi Fas e Psr risorse da destinare ai forestali. Ma, ha sottolineato Caldoro, visto che non è più praticabile la linea dell'indebitamento e visto che le risorse per i forestali in bilancio non ci sono, il compito principale per cercare di risolvere la questione spetta alle comunità locali che, di fatto, sono gli enti direttamente interessati ad occuparsi del settore. Fondi sono stati destinati alle comunità montane: in alcuni casi il ritardo nei pagamenti è di due mesi, in altri finanche di undici. Questo attesterebbe, per la Regione e per gli altri partecipanti alla riunione, anche una errata gestione di tali risorse: da qui l'ipotesi commissariamento nel caso si attesti che la gestione non sia avvenuta in maniera corretta.

I FORESTALI MINACCIANO DI GETTARSI DAL CAVALCAVIA

L'INCONTRO CON NICHI VENDOLA

LA PROTESTA DEL 25 OTTOBRE

LA PROTESTA DEL 24 OTTOBRE

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta operai forestali, l'intervento di Stefano Caldoro

SalernoToday è in caricamento