Pubblicato il bando della Centrale del Latte, la Cisl: "De Luca non è di parola"

Sabato, intanto, si terrà "Ma non era il nostro?", il convegno pubblico organizzato dal Movimento 5 Stelle che verrà ospitato dal centro sociale

Centrale del Latte

E' stato pubblicato il bando per la cessione delle quote della Centrale del Latte, con una base d'asta di 12,7 milioni di euro. "Ancora una volta il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca non mantiene la parola data”, ha esordito il segretario della Cisl, Matteo Buono. "Il primo cittadino di Salerno -continua Buono- aveva annunciato, nel corso di alcune riunioni ed assemblee pubbliche, che prima della pubblicazione definitiva del bando ci sarebbe stata una convocazione delle organizzazioni sindacali, per un coinvolgimento dei lavoratori nella predisposizione del bando. Inoltre la Cisl di Salerno sin dall'avvio della procedura, ha sempre chiesto che tra i criteri per la cessione fosse inserito anche un vincolo per il rispetto degli attuali livelli occupazionali".

Secondo la Cisl, il bando attuale, contrariamente ad ogni iniziale aspettativa, "punta solo ed esclusivamente a portare nelle casse dell'amministrazione comunale quanto più è possibile, senza alcun riguardo alla professionalità dei dipendenti, che sono stati i veri protagonisti del successo dell'azienda salernitana". Nel bando in questione, infatti, il maggior punteggio ai concorrenti sarà assegnato sulla base dell'offerta economica e non, invece, in relazione al programma di investimento, di mantenimento o di incremento dei livelli occupazionali.  "Resta avvolta dal mistero anche la condizione dell'obbligo di permanenza sul territorio comunale della Centrale del Latte - conclude il segretario- in quanto nel bando nulla è indicato sulla necessità di mantenere a Salerno la sede della produzione, con il rischio che chi acquisterà le quote potrebbe, un minuto dopo, delocalizzare in altra zona lo stabilimento di Via Monticelli".

Intanto, Movimento Cinque Stelle di Salerno annuncia “Ma non era il nostro?”, il convegno pubblico sulla Centrale del Latte che si terrà il 28 settembre , presso il centro sociale di Pastena , dalle ore 10. Spetterà, dunque, ad Andrea Cioffi, Silvia Giordano, Mimmo Pisano ed Angelo Tofalo, discutere sulla decisione di vendita della Centrale, deliberata dal Consiglio Comunale. "Infatti fu proprio questa amministrazione che definì l'Azienda il fiore all’occhiello della città e ne elogiava il modello di gestione- ha osservato l'onorevole Pisano - Ed invece oggi, il Comune, per evidenti problemi di cassa, ha votato per la cessione ai privati del Nostro, camuffando la scelta come obbligo previsto dalla legge sulla spending review. Motivazione che, invece, grazie all’interrogazione parlamentare del Movimento 5 Stelle, si è dimostrata falsa in quanto non rientra nei casi previsti sia per difetto dell'oggetto sociale, sia per entità di fatturato", hanno concluso. Invitati al dibattito, anche il sindaco Vincenzo De Luca, l’assessore al Bilancio, i capogruppo di tutte le forze politiche presenti in consiglio comunale, i vertici della Centrale del Latte e le organizzazioni sindacali dell’azienda pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento