Sabato, 20 Luglio 2024
Politica

Referendum, interviene Landolfi (Pd): "Un terzo dei salernitani crede in Renzi"

Il segretario provinciale dei democratici analizza la sconfitta subita in provincia di Salerno dal fronte del Sì. Poi annuncia le prossime mosse del partito

Dopo la sconfitta incassata dal fronte del Sì anche in provincia di Salerno, il segretario provinciale del Partito Democratico Nicola Landolfi traccia un bilancio del voto e spiega: “Il 40% ottenuto dal Sì non serve a migliorare la Costituzione e l’Italia, che continuerà ad avere 1000 tra senatori e deputati, il Cnel e altre simili amenità. Anche in provincia di Salerno e in Campania si dovrebbe avere l’onestà di guardare a questo risultato senza provincialismo e senza accostamenti impropri ad altre elezioni. Guardiamo semmai a quel terzo della popolazione provinciale che ha creduto e crede in Renzi e nel Pd, come unico sbocco possibile. Dall’altra parte, grillini e centrodestra e voto genericamente di protesta: una sommatoria che non sarà mai una proposta coerente”.

Per Landolfi, comunque, “il Paese sprofonderà in un’altra crisi. Noi, in Campania e in provincia di Salerno, dovremo rispondere e continuare il cammino del cambiamento, del rapporto con i territori, governo per i risultati. I problemi delle nostre zone – avverte l’esponente del Pd - non consentono distrazioni. Intorno a Renzi ci sono le condizioni per ritornare al governo del Paese dopo le politiche, con un partito, però, più strutturato, organizzato e meno legato alla comunicazione fine a sé stessa. Noi – conclude - abbiamo esperienze e capacità per essere pienamente protagonisti della fase che si apre sul piano regionale e di continuare, abbondantemente, ad esserlo, sul piano locale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum, interviene Landolfi (Pd): "Un terzo dei salernitani crede in Renzi"
SalernoToday è in caricamento