rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Politica

Riforma della Giustizia: la Carfagna contro Grillo e Calderoli

La Carfagna: "La deriva che Grillo, purtroppo, ha imposto al dialogo politico in questi ultimi mesi, fa preoccupare"

"La deriva che Grillo, purtroppo, ha imposto al dialogo politico in questi ultimi mesi, fa preoccupare. Grillo e i suoi devono assumersi la responsabilità di aver esacerbato il confronto politico in questi ultimi tempi". Queste le parole di Mara Carfagna (Pdl), a margine della presentazione della raccolta firme per il referendum sulla giustizia. Circa gli attacchi sul web, infatti, la Carfagna ha detto: "Mi sono arrivati molti attestati di solidarietà bipartisan che mi hanno fatto molto piacere. Non credo di aver perso la serenità in questi giorni nonostante le minacce e gli insulti ricevuti".

"Sono convinta delle mie ragioni e sono sempre piu motivata per fare in modo che nel nostro Paese possa esserci un dialogo politico, a volte anche aspro come è giusto che sia, ma che possa essere fondato sempre sul rispetto reciproco. Chi si pone fuori della logica del rispetto, deve assumersi le proprie responsabilità e credo che si giudichi da solo. Il richiamo del Capo dello Stato va nella giusta direzione. Il confronto politico non deve mai prescindere dal rispetto reciproco", ha aggiunto.

La Carfagna, poi, circa le offese di Calderoli a Kyenge, incalza: "Sarebbe auspicabile che Calderoli si dimettesse. Sarebbe un bel gesto e dimostrerebbe un serio pentimento, perché rivolgere solo le proprie scuse rischia di apparire un atteggiamento di rito formale e non sostanziale". E, ancora, sulla soppressione dei tribunali: "E' una cosa che ci preoccupa molto. Proprio per questo molti di noi portiamo avanti delle battaglie per evitare la soppressione dei tribunali, come, per esempio, quello di Sala Consilina. Ci troviamo- conclude - in una fase storica che impone una razionalizzazione dei costi; questo però non deve avvenire a scapito dei diritti dei cittadini. Continua, per questo, ad essere alta la nostra attenzione e continuano le nostre battaglie".

Tornando alla riforma della giustizia, infine, ha detto: "Sosteniamo questo referendum con grande entusiasmo e convinzione. Crediamo in questa battaglia promossa dai Radicali. Sappiamo che non ci sono le condizioni affinchè la riforma della giustizia possa essere portata avanti in Parlamento in questa legislatura. Questo, dunque, è il modo migliore per raggiungere l'obiettivo di avere una giustizia giusta in Italia. Si tratta di una scelta fatta in favore dei cittadini e del nostro Paese".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riforma della Giustizia: la Carfagna contro Grillo e Calderoli

SalernoToday è in caricamento