Regionali 2020, il Pd ricandida De Luca: i grillini lanciano Costa

Sfuma, al momento, l'alleanza tra i due partiti che compongono la maggioranza in parlamento. I democratici campania puntano tutto sul governatore uscente ma avvertono i consiglieri: "Chi ha la tessera del Pd si deve candidare nella lista del Pd"

De Kyca

Pd e M5S si presenteranno divisi, salvo improvvisi colpi di scena, alle elezioni regionali della prossima primavera in Campania. "Ho proposto alla direzione del Pd campano di comporre una delegazione con me e i cinque segretari provinciali dem per avere rapporti con le altre forze politiche che intendono costruire una coalizione di centrosinistra”: lo annuncia il segretario campano dei democratici  Leo Annunziata precisando che "abbiamo fatto un invito ai Cinque Stelle di aprire un discorso programmatico con noi, perche' non ci sfugge il quadro nazionale. Il Pd individua nel presidente uscente della Campania il futuro candidato alle Regionali, come centro apicale di un campo largo di centrosinistra".

La votazione dei dem

La direzione del Pd regionale della Campania si è conclusa con il sì all'unanimità di un documento della segreteria. "Il Pd sostiene unitariamente e con forza la candidatura a presidente di De Luca e si impegna per realizzare a suo sostegno la più ampia coalizione sulla base di un programma condiviso. La delegazione trattante sarà composta dai 5 segretari provinciali più il segretario regionale per la costruzione del campo largo. Per liste e candidature, chi ha la tessera del PD si deve candidare nella lista del Pd".

Il M5S

Ma, da mesi, i grillini continuano a bocciare la ricandidatura di Vincenzo De Luca. E lavorano ad un’alternativa. E, oggi, a sorpresa, la capogruppo alla Regione Valeria Ciarambino lancia la discesa in campo del ministro dell’ambiente Sergio Costa: “La Campania, la mia terra, è più importante di me stessa, delle mie ambizioni personali, e credo che noi abbiamo il dovere di dare risposte e lavorare per restituirle finalmente un futuro nuovo. Per far questo - spiega - è essenziale riuscire a parlare a tutti coloro che hanno a cuore il destino della Campania, anche a quei cittadini che, pur condividendo i nostri stessi valori, non si sono mai riconosciuti nel nostro Movimento. Con umiltà sento di dire che c’è una persona più capace di me di parlare a tutti. Questa persona per me è Sergio Costa oggi ministro dell’ambiente, un uomo dello Stato, che da generale dei carabinieri ha combattuto contro chi ha avvelenato l’ambiente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

Torna su
SalernoToday è in caricamento