menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rione La Mennola nel degrado, esplode la rabbia dei cittadini: Peduto contro Cascone

Il portavoce di Fdi-An: "Siamo di fronte all'ennesima promessa fatta ma non mantenuta. Il Comune utilizzi di 5 milioni di euro che ha disposizione per mettere in sicurezza le strade cittadine"

Rifacimento stradale del rione La Mennola, esplode la rabbia dei cittadini: Rosario Peduto critica il Comune di Salerno. Il portavoce cittadino di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, esprime il suo disappunto per "l’ennesima falsa promessa"  fatta, ad ottobre dello scorso anno, ai cittadini del rione La Mennola, da parte dell’amministrazione comunale, per bocca dell’assessore alla Mobilità Luca Cascone, circa "il rifacimento di un manto stradale già particolarmente usurato e poi letteralmente disastrato da una serie di lavori realizzati in maniera non corretta per  la riparazione della rete Enel e per il cablaggio della zona con l’installazione delle fibre ottiche, ad opera della Telecom".

"16 novembre dello scorso anno  l'assessore Cascone - denuncia l'esponente di Fdi-An -  nel corso del programma “Viaggio nei quartieri” dell’emittente televisiva locale Tvoggi, dichiarò testualmente: Cercheremo di mantenere questa promessa: dall’inizio del 2014 vi sarà un recupero della fase manutentiva in tutta la città circa lo stato del fondo stradale. La Mennola e via S. Calenda  sono sicuramente una delle priorità dato che già mesi fa avevamo constatato lo stato fatiscente delle strade della zona, danneggiate anche da lavori svolti in maniera non corretta".

Di qui la denuncia politica: "Siamo a metà aprile 2014 e quella promessa fatta pubblicamente è rimasta, come sempre, lettera morta, con grande irritazione dei cittadini della zona che assistono quotidianamente allo sfaldarsi in più punti del manto di asfalto che mette in serio rischio la salute e la sicurezza di pedoni ed automobilisti. Noi chiediamo, raccogliendo il disappunto dei cittadini, che almeno questi interventi che hanno il carattere dell’urgenza per la loro evidente incidenza sulla sicurezza dei cittadini siano finalmente e concretamente al centro dell’agenda amministrativa, utilizzando i fondi a disposizione  (nel caso di specie, ad esempio, i 5 milioni di euro concessi dalla Cassa Depositi e Prestiti) per interventi soprattutto manutentivi e non più per iniziare opere in ogni dove che hanno ovunque il tratto fallimentare dell’ incompiutezza. Il momento di crisi e di bilanci degli enti sempre più ridotti deve necessariamente produrre un cambio radicale nell’azione amministrativa,  urbanizzando di meno e riqualificando di più “.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento