rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Politica

Roccapiemonte, Luisa Trezza: "Contro di me la macchina del fango"

L'intervento della consigliera comunale

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

"Contro di me la macchina del fango". La denuncia di Luisa Trezza, consigliera comunale a Roccapiemonte.
 
“Il dottor Vincenzo Pagano, dal 30 dicembre,-denuncia l'esponente politico di Roccapiemonte- sui Social  diffonde post, commenti e fotografie che mi riguardano, accusandomi di aver partecipato ad incontri con la  Gori di fatto per chiedere posti di lavoro per i miei congiunti. Sarà solo una coincidenza temporale, ma il  giorno precedente, 29 dicembre 2022, - sottolinea la consigliera comunale del gruppo Rocca Futura- PD in  consiglio comunale a Roccapiemonte, si è discussa la delicata questione relativa alla gestione del servizio  idrico. In aula avevo fatto emergere, a seguito di accesso agli atti, che l'Amministrazione comunale di  Roccapiemonte, guidata dal sindaco Carmine Pagano, padre del dottor Vincenzo Pagano, aveva presentato  in ritardo la domanda per ottenere la gestione autonoma del servizio idrico, l'occasione legale che si  aspettava per scongiurare la venuta di GORI a Roccapiemonte.  

Da anni tutta la nostra comunità sta portando avanti la battaglia per l'acqua pubblica e l'argomento è molto  sensibile.  
A questo si aggiunge che avevo fatto notare come la richiesta del sindaco, a fronte di una lunga storia di lotta  amministrativa, sociale e politica, oltre a partire in RITARDO e ad essere stata respinta dall'EIC per questo  motivo, era limitata a pochissime righe. 

Il dottor Vincenzo Pagano nei suoi post su Facebook ha accusato prima una consigliera di minoranza di aver  partecipato a riunioni della Gori aggiungendo «Siamo tutti uniti per l'acqua pubblica e quantomeno per una  scelta disinteressata in merito oppure vogliamo fare Gori - parentopoli anche a Roccapiemonte e far entrare  Gori per sistemare figli, mariti, cugini e amici di merenda?». Poi ha svelato chi fosse questa consigliera, cioè  io, pubblicando la foto della asserita riunione Gori nella quale sono ritratta.  

A QUESTO PUNTO, -DICHIARA LUISA TREZZA - URGE FORNIRE UNA RISPOSTA AI CITTADINI DI  ROCCAPIEMONTE.  
Mio marito è già dipendente di un Ente pubblico da anni e non necessita di alcun posto di lavoro, né  tantomeno ne hanno bisogno i miei figli che hanno iniziato brillantemente gli studi universitari-afferma  ancora Luisa Trezza - 
inoltre la partecipazione alla riunione di ottobre di cui alla fotografia, è reale ma si trattava di una conferenza  stampa a Villa Campolieto di Ercolano, indetta dall’Ente Idrico Campano e dalla Gori per l’11 ottobre 2022, alla presenza del vicepresidente della Regione Campania e di vari sindaci per illustrare le misure di sostegno  al reddito deliberate dal Consiglio di Distretto Sarnese-Vesuviano dell’Ente Idrico Campano, attraverso bonus  e stop alle morosità per le fasce deboli. Provvedimenti di utilità sociale che hanno richiamato l’attenzione di  circa 20 testate giornalistiche, viste le condizioni economiche in cui versano molte famiglie campane del  Napoletano e del Salernitano.  

La mia partecipazione era quindi in qualità di giornalista per dare conto, assieme ad altri colleghi di più  province, di un’iniziativa a favore delle fasce deboli della popolazione, tanto è vero che è reperibile, il giorno  seguente, l’articolo a mia firma sul quotidiano La Città, disponibile anche on line. Del resto, i servizi  giornalistici in video mi ritraggono mentre prendo appunti per scrivere l’articolo pubblicato il giorno dopo.

I FATTI DESCRITTI DAL DOTTORE VINCENZO PAGANO QUINDI NON RISPONDONO A VERITÀ - conclude la  consigliera comunale rocchese.  
La realtà non solo è stata travisata ma sono stata pubblicamente accusata di procacciare posti di lavoro per i  miei congiunti. Tutto ciò è inaccettabile, anche perchè non è la prima volta che il figlio del sindaco interviene  pesantemente contro di me, tentando di diffamarmi e di mettermi a tacere.  

Pertanto ho già dato mandato al mio legale per tutelare la mia immagine e quella della mia famiglia in ogni  sede” - ha concluso Luisa Trezza.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roccapiemonte, Luisa Trezza: "Contro di me la macchina del fango"

SalernoToday è in caricamento