rotate-mobile
Politica Pastena

"Salerno di tutti", assemblea pubblica al centro sociale di Pastena

Domani alle 17:30 l'incontro organizzato dal coordinamento cittadino di Sinistra Ecologia e Libertà. Oltre a rappresentare un momento di critica sarà anche l'occasione per lanciare delle proposte

“Salerno di Tutti” è il titolo scelto dal coordinamento dei circoli Sel di Salerno per l’assemblea pubblica aperta in programma domani alle 17.30 al Centro Sociale di Pastena. “Salerno di Tutti” perché l’incontro di domani sarà aperto alle associazioni, ai cittadini, alle forze politiche cittadine per avviare un confronto senza steccati e barriere sul futuro della città.

«In due anni e mezzo di amministrazione comunale – afferma il coordinatore dei circoli Sel di Salerno, Marco Matano – Sel ha assunto spesso posizioni critiche su alcuni punti dell’azione amministrativa: dal voto contrario alla variante al Piano Urbanistico Comunale a quello sulla vendita della Centrale del Latte. Una scelta coerente, in quanto questi due punti non facevano parte del programma di coalizione sottoscritto alla vigilia delle elezioni ma, soprattutto, perché siamo contrari alla svendita di un’azienda pubblica in ottima salute e perché siamo convinti che non si possa continuare a perservare nelle strategie di consumo del territorio e di edificazione delle ultime aree libere del centro cittadino».

Ma l’assemblea di domani, oltre a rappresentare un momento di critica, sarà anche l’occasione per lanciare delle proposte. Dalla definizione del regolamento per lo svolgimento dei referendum consultivi comunali, al tema degli spazi pubblici fino al rafforzamento della tutela ambientale. «Un tema questo – sottolinea Matano – sul quale siamo in prima linea grazie all’operato del nostro assessore all’Ambiente, che in pochi anni ha portato Salerno ai primi posti in Italia nella raccolta differenziata».

«L’assemblea di domani – ha evidenziato Franco Mari, responsabile Enti Locali di Sel Campania – è un’iniziativa ambiziosa con un obiettivo dichiarato: aprire una fase nuova, non tanto nel rapporto tra Sel e l’amministrazione comunale, quanto nella capacità della comunità salernitana di cambiare aria, di superare un assolutismo diventato insopportabile. C’è bisogno – ha concluso – di mettere in movimento tutte le energie necessarie per ripensare collettivamente il futuro della città».

  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Salerno di tutti", assemblea pubblica al centro sociale di Pastena

SalernoToday è in caricamento