rotate-mobile
Politica

Salva Città, Celano (Fi) attacca il Comune di Salerno: "Ora può aumentare l'aliquota dell'addizionale comunale"

Le critiche del consigliere comunale di opposizione

Arrivano le reazioni dell’opposizione dopo il via libera del Governo (in particolare dal Ministero dell’Economi e delle Finanze) al “Patto per Salerno” o "Salva Città" per ridurre il disavanzo dell’Ente. A distanza di ventiquattrore dalla nota di Palazzo di Città, il capogruppo di Forza Italia Roberto Celano che si dice "stupito" per il "il giubilo e la soddisfazione dell'Assessore e dell'Amministrazione per l'approvazione del Salva Città".

Le critiche

L'esponente di centrodestra attacca: "L'Assessore ammette che la firma del Mef non era scontata, dimostrando, evidentemente, consapevolezza sulla disastrosa condizione finanziaria in cui versa il comune e dubitando anch'ella, probabilmente, sull'attuabilità di un piano che si regge quasi totalmente sull'alienazioni dei beni comunali per cifre difficilmente raggiungibili”. Per Celano, insomma, “il Salva Città, come ormai ammette l'Amministrazione, ha un solo obiettivo palesato, la possibilità di aumentare l'aliquota dell'addizionale comunale oltre il massimo stabilito per legge ed un altro latente, ossia la necessità di dare un salvacondotto agli amministratori che hanno portato Salerno sul baratro del dissesto, imponendo ora sacrifici insostenibili alla città. C'è poco da gioire ed essere felici. Saremo felici solo quando Salerno sarà liberata dagli incompetenti che hanno degradato la città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salva Città, Celano (Fi) attacca il Comune di Salerno: "Ora può aumentare l'aliquota dell'addizionale comunale"

SalernoToday è in caricamento