Attività balneari in crisi, Fortunato scrive a Conte e De Luca: ecco la lettera

Il sindaco di Santa Marina propone l'esonero dal pagamento delle quote per le concessioni demaniali relative all'anno 2020

Il sindaco Fortunato

Il Comune di Santa Marina si prepara alla “Fase 2” del Coronavirus e alla ripartenza. Dopo le linee guida per la ripresa dei cantieri, il sindaco Giovanni Fortunato scrive al presidente del consiglio Giuseppe Conte e al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, per la richiesta di esonero dal pagamento delle quote per le concessioni demaniali relative all'anno 2020, in modo da agevolare le attività balneari e diportistiche, uno dei settori che quasi certamente risentirà della crisi economica legata all'emergenza coronavirus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lettera di Fortunato:

“Come ormai è noto la crisi economica legata alla pandemia in corso sta colpendo tutti i settori produttivi dell’economia italiana, non ultimo il settore del turismo balneare, uno tra i più importanti nel sistema nazionale nonché del nostro territorio. Considerata la quasi certa compromissione della prossima stagione turistica, che vedrà un crollo radicale su tutte le spiagge italiane in termini di presenze e flussi economici e che tutti gli enti pubblici di competenza, sono chiamati a tenere in considerazione la grave crisi che colpirà il settore e a contribuire in maniera concreta al mantenimento di condizioni di stabilità economica, almeno fino al raggiungimento dei livelli di ripresa finanziaria. In considerazione di tutto questo, io come Sindaco, unitamente all'Amministrazione comunale abbiamo ritenuto necessario chiedere, a sostegno di uno dei settori più importanti del sistema economico italiano, ed anche in termini di equità rispetto agli aiuti finanziari ed ai sussidi che il Governo centrale sta mettendo a disposizione dei più svariati comparti e soggetti socio-economici, che le attività produttive legate al turismo balneare (lidi, chioschi, attività da diporto, etc..) vengano esonerate per la stagione 2020 dal pagamento delle quote, statali – regionali, legate alle concessioni demaniali delle quali sono titolari, con l’intento di mantenere in vita la fiducia e la speranza di ripresa dell’economia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Superenalotto, la Dea bendata bacia Salerno: vinti 25mila euro

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Ordinanza anti-Covid di De Luca, i commercianti bloccano via Roma: "Il sindaco scenda dal Comune"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento