menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sarno, revocata la cittadinanza onoraria a Mussolini: la soddisfazione del sindaco

Presente in aula consiliare anche una delegazione dell'Anpi che, al termine della votazione, ha intonato "Bella Ciao"

Benito Mussolini non è più nell’elenco dei cittadini onorari di Sarno: è stata revocata la delibera con cui il potestà concesse l’onore al Duce. Soddisfazione, quindi, per il sindaco Giuseppe Canfora che nel 2016 lanciò la proposta della revoca.

I dettagli

Su proposta della Maggioranza di centrosinistra, il Consiglio Comunale ha revocato con 16 voti favorevoli, 4 contrari (Giovanni Cocca, Domenico Crescenzo, Sebastiano Odierna, Antonello Manuel Rega), uno astenuto (Anna Robustelli), la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini. A favore della revoca hanno votato il Sindaco Canfora, i Consiglieri di maggioranza Giuseppe Esposito, Michele Ruggiero, Gianpaolo Salvato, Crescenzo Correa, lda Mareschi, Raffaele Esposito, Toti Orza, Giuliana Morosini, Sergio Di Leva, Emilia Esposito, Maria Manzo, Maria Bellomo, Renzo Bacarelli, Antonio D'Angelo. A favore ha votato anche il Consigliere di opposizione, Giovanni Montoro. Non ha partecipato alla votazione Walter Giordano (che ha abbandonato l'aula). Assenti Maria Rosaria Aliberti e Giuseppe Agovino. Ha relazionato sull'atto deliberativo l'Assessore Eutilia Viscardi. Presente in aula consiliare anche una delegazione dell'Anpi che, al termine della votazione, ha intonato "Bella Ciao".

Parla il sindaco Giuseppe Canfora


"Questa sera abbiamo votato un atto di libertà. Sarno è una città democratica, è la città di Giovanni Amendola. Una comunità che si ispira ai valori di libertà e di pensiero, che ripudia il fascismo, le leggi razziali, le oppressioni, i campi di concentramento, i soprusi, le violenze, gli assassini.

Abbiamo votato questa revoca anche per chi nel 1923 non si poteva opporre. I documenti cartacei restano, sono parte della storia di questa città. Non cancelliamo la storia, ma costruiamo il presente ed il futuro con esempi di democrazia per le nuove generazioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento