rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Politica Sarno

Domenica parte il Sarnotour: il Movimento 5 stelle contro lo stato del fiume Sarno

La manifestazione prevede un tour che parte dalla foce del Sarno a Castellammare di Stabia e Torre Annunziata per poi attraversare Scafati, Nocera Inferiore e San Valentino Torio per giungere infine presso la foce del fiume a Sarno

Domenica avrà luogo il Sarnotour, un evento organizzato dal Tavolo tecnico per il disinquinamento e la riqualificazione del bacino del Sarno del Movimento 5 stelle. La manifestazione prevede un tour che parte dalla foce del Sarno a Castellammare di Stabia e Torre Annunziata per poi attraversare Scafati, Nocera Inferiore e San Valentino Torio per giungere infine presso la foce del fiume a Sarno.

"Dopo anni di assenza interessata della politica nella salvaguardia di uno dei più grandi patrimoni naturali della Regione Campania - esordiscono dal Tavolo tecnico - Domenica i parlamentari del Movimento 5 stelle risaliranno le sponde del fiume, soffermandosi sulle tappe salienti che testimoniano il grande scempio perpetrato in tutto il territorio che va dalla sorgente di Sarno fino alla foce di Castellammare di Stabia e Torre Annunziata attraversando paesi a forte vocazione agricola, turistica e culturale come Nocera, Angri, Scafati e Pompei fino ad arrivare nei prati del parco fluviale 5 Sensi di Sarno che si sviluppa lungo le sponde del fiume alla sorgente. Un parco verde, luogo di salute e di benessere per tutta la popolazione, esempio concreto di come tutti i cittadini vorrebbero riqualificare il fiume ed il territorio circostante.".

"Il fiume Sarno - continuano gli attivisti - è stato ed è ancora oggi falcidiato da sversamenti illeciti, gestioni non trasparenti e proposte scellerate di riqualifica quali cementificazione degli argini, vasche di laminazione lungo il percorso e realizzazione di una seconda foce artificiale. Con una riqualificazione naturale, il fiume Sarno potrebbe rappresentare un volano di sviluppo importante per i territori circostanti valorizzando ulteriormente alcuni siti turistico/culturali tra i più famosi al mondo quali gli Scavi Archeologici di Pompei, Stabia e Oplonti e salvando dal seppellimento il sito preistorico di Longola in località Poggiomarino".

"Il Tavolo tecnico del Sarno - concludono - ha già reso possibile due interrogazioni parlamentari e non soddisfatto ha organizzato tale movimentazione affinché si abbia una risonanza maggiore. Non si esclude la possibilità di azioni ancora più incisive se le autorità dovessero restare indifferenti innanzi a tali denunce".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Domenica parte il Sarnotour: il Movimento 5 stelle contro lo stato del fiume Sarno

SalernoToday è in caricamento