Scuola, Adinolfi (M5S): “Educazione ambientale nelle scuole italiane sia esempio virtuoso in Ue”

L'europarlamentare salernitana del Movimento Cinque Stelle elogia l'operato del ministro Fioramonti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

“Sono orgogliosa di poter dire che l’Italia sarà il primo Paese al mondo a introdurre l’educazione ambientale come materia obbligatoria a scuola. Finalmente il tema dei cambiamenti climatici arriverà anche tra i banchi di scuola: formeremo gli adulti di domani, che d’altronde negli scorsi mesi, con gli scioperi per il clima, hanno dimostrato una ricettività e una sensibilità al tema a cui è stato impossibile rimanere indifferenti. Quella del nostro ministro all’Istruzione Lorenzo Fioramonti è una scelta di responsabilità e non può che essere appoggiata”, così in una nota l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Isabella Adinolfi. “La notizia ha fatto il giro del mondo, apparendo su testate come quelle di New York Times e Cnn: una risonanza che spero non rimanga soltanto sulle pagine dei giornali, ma che divenga esempio virtuoso e modello da riproporre nelle scuole di tutti i Paesi. Una tematica, quella dell’ambiente, sulla quale il M55 è attento, non da oggi, con l’attuazione di politiche concrete, come dimostra anche il progetto “Facciamo EcoScuola” che prevede il finanziamento di 3 milioni di euro, ricavati dalle restituzioni dei parlamentari del Movimento, per progetti con finalità sostenibili presentati da tutte le scuole pubbliche d’Italia. Continueremo ad impegnarci sul fronte ambientale: farlo partendo dai più piccoli significa investire in un futuro più verde”, conclude Adinolfi.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento