rotate-mobile
Politica

Sel, al via la grande stagione di lotta

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Dopodomani, 14 novembre, ci sarà anche a Salerno lo sciopero sociale. Una grande giornata di mobilitazione europea che in Italia si caratterizzerà contro i provvedimenti decisi, alcuni già approvati, del governo Renzi. In particolare  la controriforma del mercato del lavoro (Job Act), ulteriore cementificazione  e stupro del nostro territorio che lascia mano libera alle trivellazioni e depotenzia qualsiasi controlle delle sovrintendenze (Sblocca Italia), la riforma scolastica  proposta dalla Giannini. La settimana successiva, il 21, FIOM di tutto il meridione sarà in piazza a Napoli sia per contrastare il declino produttivo del nostro paese e per un diverso sviluppo economico e produttivo sia per rimettere al centro dell’attenzione politica il mezzogiorno d’Italia che è la parte del nostro paese che di più ha già pagato caramente il prezzo della crisi e che pagherà ancora se non si riuscirà  a contrastare le politiche di recessione produttiva del governo Renzi. Il 5 dicembre ci sarà lo sciopero generale nazionale indetto dalla CGIL.

Il circolo MIRIAM MAKEBA, cosi come fatto per il passato,  è già pronto per riversare tutto il suo impegno per la piena riuscita delle mobilitazioni. Il lavoro e i diritti sono temi centrale per la sinistra. Fanno parte del nostro dna, sono la nostra storia e il nostro futuro.

Già nella mattinata del prossimo 30 novembre da noi  organizzata  si svolgerà una assemblea pubblica in cui discuteremo e costruiremo una coalizione per i diritti e per il lavoro. In quella sede insieme ai compagni della sinistra del PD, dell’associazionismo, dei comitati di lotta per l’ambiente, della sinistra diffusa e del sindacato coniugheremo le tematiche nazionali con gli impatti che si avranno sui nostri territori. L’obiettivo dichiarato non è quello di costruire un contenitore organizzativo ma, proprio partendo dai temi che ci accomunano, è quello di costruire unitariamente un grande movimento politico e sociale nel nostro territorio che sia in grado di svolgere fino in fondo e in modo organizzato i compiti e gli impegni che ci attendono in questa lunga,  calda e impegnativa stagione che ci attende.

Tutti insieme sarà possibile sconfiggere la deriva di destra del nostro governo. Tutti insieme riusciremo a ricostruire una speranza e un futuro per i nostri giovani, tutti insieme riprenderemo la strada per un cambiamento vero dell’Italia e dell’Europa.

Tutti insieme, a partire dalla manifestazione di dopodomani che partirà alle ore 9 da piazza Ferrovia a Salerno, continueremo il nostro percorso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sel, al via la grande stagione di lotta

SalernoToday è in caricamento