rotate-mobile
Politica

Trivelle, il sindaco Napoli non ha votato: "E' prevalsa la ragione critica"

Napoli: "Gli sconfitti - ha precisato - non sono i cittadini che si sono recati alle urne, ma chi, massimamente il ceto politico, ha tentato di strumentalizzarli"

Il giorno dopo il fallimento del referendum popolare sulle trivelle in mare, il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli dice la sua, tramite una nota stampa. "Riguardo al referendum, è prevalsa in me la considerazione che si trattava di alimentare una crociata politica che niente aveva a che fare col merito del quesito referendario (per altro totalmente discutibile). Si trattava di assecondare il disegno dell'improbabile e improponibile  alleanza tra Brunetta, Salvini, 5 stelle e altri. Un gruppo eterogeneo che forzava il referendum piegandolo ad un uso strumentale", ha sottolineato.

Il sindaco da subito ha dichiarato "che, a mio parere, avevano pari diritto sia il voto che l'astensione e che non ritenevo di dare consigli a chicchessia. Ho sofferto nel non recarmi al seggio, ma ho fatto prevalere la ragione critica sulle emozioni e le suggestioni. Gli sconfitti - ha precisato - non sono i cittadini che si sono recati alle urne, ma chi, massimamente il ceto politico, ha tentato di strumentalizzarli. La risposta delle urne spinge con determinazione ad una riflessione attenta sulle politiche energetiche virando verso modelli innovativi. Bisogna però essere consapevoli che non tutto si può realizzare dall'oggi al domani, magari rinunciando alle poche fonti di cui disponiamo", ha concluso il primo cittadino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trivelle, il sindaco Napoli non ha votato: "E' prevalsa la ragione critica"

SalernoToday è in caricamento