Rischio tagli sui fondi per il Sud, la deputata Bilotti interroga Provenzano

Arriva l'appello dopo la bozza del Dipe: “E' necessario garantire il riequilibrio territoriale”

Anna Bilotta

Un'interrogazione al ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, affinché le strategie economiche che saranno messe in campo per l'emergenza coronavirus non sottraggano risorse al Mezzogiorno, pregiudicando il riequilibrio territoriale tra Nord e Sud del Paese. A firmarla è la deputata Anna Bilotti del Movimento 5 Stelle, dopo che dal documento “L'Italia e la risposta al Covid-19” elaborato dal Dipe (il Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica, afferente alla Presidenza del Consiglio) sono emerse indicazioni per alcune modifiche nel riparto dei fondi europei e delle spese per investimenti. “Sono proposte che rischiano di penalizzare l'economia meridionale” sottolinea la parlamentare, evidenziando in particolare due punti critici su cui sollecita l'attenzione del ministro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le critiche

A lasciare perplessa la deputata M5S è innanzitutto l'idea di un emendamento che sospenda la clausola di riequilibrio territoriale nella destinazione alle regioni del Mezzogiorno degli stanziamenti in conto capitale; una regola che entra in vigore quest'anno e secondo cui il 34% degli investimenti ordinari va indirizzato al Sud, tenendo conto della popolazione residente. Poi c'è il criterio di riparto del Fondo europeo di sviluppo e coesione, che ora destina al Mezzogiorno l'80% di quei fondi ma che il Dipe ipotizza di rivedere. A tali ipotesi di modifica la deputata oppone i dati che emergono dal rapporto Svimez datato 8 aprile: “In quel rapporto si prefigura una ripresa molto lenta e complessa proprio dell'economia delle regioni meridionali – sottolinea - Vi è ben chiarito che il Mezzogiorno incontra lo shock in una fase già tendenzialmente recessiva, e che se non si affronta questo momento in termini di ricostruzione nel Sud di una base produttiva già adesso insufficiente, la spaccatura tra le due Italie appare destinata ad allargarsi". Da qui la richiesta di chiarimenti al ministro, perché si tengano in conto, nelle future scelte del Governo, gli obiettivi di coesione tracciati dalla Costituzione. A Provenzano si chiede in particolare «quali iniziative intenda assumere, affinché il riparto delle risorse economiche post emergenza Covid-19 non pregiudichi in alcun modo le strategie di riequilibrio territoriale fin qui adottate per ridurre le distanze in termini di crescita e sviluppo tra Nord e Sud del paese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: sospesa la scuola fino al 30 ottobre, chiusi i circoli e stop all'asporto dopo le 21 e alle feste

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Mini-lockdown in Campania: pubblicata l'ordinanza, De Luca frena le attività e chiude le scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento