menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sbarco migranti, denuncia di Peduto (Fdi): "Perchè in Campania arrivano solo a Salerno?"

Il portavoce cittadino di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale interviene duramente sul terzo sbarco di profughi nella città di Salerno e chiede l'intervento del Prefetto

Il terzo sbarco di migranti nel porto di Salerno scatena nuovamente la polemica politica. Nelle scorse ore a lanciare l'allarme è stato il sindaco Vincenzo De Luca, che ha ribadito l'assenza di strutture adatte all'accoglienza dei profughi. Toni più accesi, invece, vengono usati dal portavoce cittadino di Fratelli d''Italia Rosario Peduto che chiede l'intervento del Prefetto: "E’ davvero intollerabile che il governo Renzi ed il ministro Alfano abbiano predisposto, nel giro di appena un mese e senza curarsi minimamente di dotare lo scalo  di misure e di strutture utili a garantire sicurezza ed efficacia nell’ accoglienza, l’approdo della terza nave di migranti nel nostro porto commerciale, dove già il 19 luglio scorso approdarono altri 2128 migranti provenienti da Siria, Palestina, Iraq, Somalia ed altri Paesi del Maghreb ed ancor prima, il 1° luglio, altri 1100 profughi giunti invece con la nave Etna".

Poi l'esponenti del partito della Meloni aggiunge: "Non si capisce davvero perché debba essere il solo porto di Salerno a gestire quello che sembra assumere sempre più le forme e le dimensioni numeriche di un drammatico esodo. Ragion per cui chiederemo al rappresentante del Governo sul nostro territorio, il Prefetto, delucidazioni circa le motivazioni di tale scellerata volontà governativa che ha arbitrariamente scelto il porto della nostra città per gestire – quasi in “esclusiva”-  la prima accoglienza di ( fino ad ora )  circa 5000 migranti  senza però contestualmente operare per mettere in sicurezza lo scalo rispetto alla “straordinarietà” della questione in essere. Chiederemo - conclude Peduto - come partito e come cittadini di Salerno, di fermare questa operazione ma soprattutto di fermare da subito la possibilità di vedere ancora una volta, nei prossimi giorni, lo scalo di Salerno come approdo di un nuovo sbarco di migranti che rischierebbe letteralmente di essere elemento detonante nell’ ottica complementare di garantira la sicurezza dei nostri concittadini da un lato e la concreta e seria accoglienza dei profughi dall’altro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento