menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Traffico rifiuti nel Vallo di Diano: appello di Bilotti (M5S), interrogazione di Cirielli (FdI)

I due parlamentari salernitani intervengono dopo la maxi operazione messa a segno da Forze dell'Ordine, Direzione Distrettuale Antimafia e Forze dell'Ordine

“L'operazione anticrimine coordinata da varie Procure e che ha portato alla luce una serie di attività illegali condotte nel Vallo di Diano dimostra, una volta di più, la necessità di assicurare un presidio di legalità a un comprensorio privato ingiustamente del “suo” Tribunale da circa dieci anni e che è sempre più esposto alle incursioni dei clan della criminalità organizzata”. Lo afferma Anna Bilotti, deputata salernitana del Movimento 5 Stelle, all'indomani del maxi-blitz delle forze dell'ordine che ha disvelato una serie di traffici illeciti in Campania e in altre regioni meridionali, culminati nell'emissione di numerosi provvedimenti restrittivi personali e decreti di sequestro di beni e aziende. 

L’appello per il Tribunale 

Bilotti, firmataria della proposta di legge per ridefinire l’assetto territoriale degli uffici giudiziari, esprime il proprio apprezzamento agli investigatori e agli inquirenti per la preziosa attività condotta anche in quest'ultima circostanza e sottolinea ancora una volta l'urgenza di rivedere la distribuzione degli uffici giudiziari nel territorio nazionale, rivedendo i criteri delle scelte fatte in passato e tenendo presente la superiore esigenza di consentire ai cittadini un accesso alla giustizia pieno ed effettivo, in particolare nelle aree particolarmente estese e maggiormente colpite da emergenze di carattere criminale. “Agli uomini dell'Arma dei carabinieri e della Guardia di finanza e agli investigatori dell'Antimafia va il mio plauso per l'attività svolta e l'impegno che profondono quotidianamente nel contrasto alla criminalità, spesso in condizioni particolarmente difficili – spiega la parlamentare M5S – Quest'ultima indagine dimostra però, ancora una volta, quanto il Vallo di Diano, terra di frontiera tra più regioni, sia esposto agli appetiti delle organizzazioni malavitose. E quanto quel comprensorio abbia necessità della presenza di un presidio di legalità, quale può essere un Palazzo di giustizia. L'assurda scelta fatta nel 2012 di sopprimere il Tribunale di Sala Consilina, per un presunto miglioramento dell'efficienza giudiziaria e un risparmio di spesa mai realmente verificatisi, necessita di essere rivista al più presto. È impensabile e ingiusto continuare a negare al Vallo di Diano e al Golfo di Policastro un Tribunale che aveva competenza su un comprensorio di 28 comuni e lasciarlo accorpato a quello di Lagonegro, una struttura più piccola e di un'altra regione. La giustizia deve essere quanto più vicina possibile ai cittadini. Ecco perché la proposta di legge che abbiamo formulato nell'Intergruppo parlamentare Geografia giudiziaria va accolta e approvata prima possibile”.

L’interrogazione al Governo

Intanto, il Questore della Camera e deputato salernitano di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli fa un plauso alle Forze dell’Ordine, alla Direzione Distrettuale Antimafia e alla Magistratura e annuncia: “Bisogna continuare a mantenere alta l’attenzione sugli intrecci pericolosi tra la criminalità organizzata e alcuni segmenti economici del territorio. Presenterò, nel merito, un’interrogazione parlamentare ai ministri Roberto Cingolani e Luciana Lamorgese per sapere se sono a conoscenza dei gravi episodi di inquinamento ambientale accertati dalle Forze dell’Ordine e quali provvedimenti urgenti intendono adottare per salvaguardare maggiormente l’incolumità dei cittadini che abitano nell’area del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento