Grande successo per "Out of bounds 2018" a Salerno

A chiudere la IV Edizione lo spettacolo di Teatro Danza “Euthalia – fiore che sboccia” di Viviane Cammarota

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Si è conclusa giovedì 15 marzo, la IV Edizione della rassegna di teatro contemporaneo “Out of Bounds 2018” ideata e diretta da L.A.A.V. Officina Teatrale di Licia Amarante e Antonella Valitutti. Grande successo di pubblico con il tutto esaurito per “Euthalia – fiore che sboccia” e l’assegnazione del Premio #OOB2018 Osservatorio Giovanile allo spettacolo “Chiromantica – Ode telefonica agli abbandonati amori” diretto e interpretato da Roberto Solofria e Sergio Del Prete. Giovedì 15 marzo, si è conclusa, con un bilancio positivo, “Out of Bounds 2018” la rassegna di teatro contemporaneo, ideata e diretta da Licia Amarante e Antonella Valitutti di L.A.A.V. Officina Teatrale, che per un mese ha presentato a Salerno spettacoli, laboratori e incontri con attori, registi, psicoterapeuti coinvolgendo su tematiche sociali soprattutto adolescenti e giovani. A chiudere la IV Edizione lo spettacolo di Teatro Danza “Euthalia – fiore che sboccia” di Viviane Cammarota, una performance di forte impatto emotivo sulla violenza subita dalle donne che ha registrato il tutto esaurito. Al termine della rappresentazione è stato assegnato il premio #OOB2018 Osservatorio Giovanile allo spettacolo “Chiromantica – Ode telefonica agli abbandonati amori” di Mutamenti/Teatro Civico14 e Muricena Teatro diretto e interpretato da Roberto Solofria e Sergio Del Prete. Durante la rassegna, infatti, un gruppo di studenti del Liceo Classico “Francesco De Sanctis” di Salerno (percorso di A.S.L.) e che hanno fatto richiesta di essere inclusi nell’osservatorio operativo permanente di OOB2018 ha “esaminato” la compagnia e lo spettacolo che meglio ha rappresentato i temi affrontati da Out of Bounds. Questa la motivazione che ha accompagnato il premio: “È uno spettacolo che colpisce e stravolge. Al contempo divertente e intenso. È evidente uno studio drammaturgico profondo che emerge dalla perfetta strutturazione delle scene e dalla commistione omogenea di testi che diventano un nucleo unico e armonico. Il tutto prende forma in una scenografia di una essenzialità non essenziale, come fosse una semplicità superficiale che contiene una complessità densa e caotica (del tutto coerente ai personaggi presentati). La Recitazione è stata impeccabile, fino alla perfezione: gli attori sono riusciti a rendere magistralmente le variazioni fisiche e vocali dei vari personaggi, con una sintonia reciproca e una capacità espressiva eccellenti. Hanno mostrato grande abilità nello sfruttare gli spazi scenici, i ritmi dialettici e la comicità”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento