rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
social Cannalonga

Corsalonga 2024: Iannone cala il tris, la Nimbona straccia il record femminile

Decimo hurrà per Alessio Sorrentino al Nicola Paradiso. Quarto successo per Anna Grieco al Sorriso Monica Magliano

Un predominio netto, un assolo d’autore quello di Gilio Iannone alla 41esima Corsalonga Sangiovannese. L’atleta avellinese, già campione italiano in pista sui 1500 metri e punta di diamante della Carmax Camaldolese, ha stracciato fin da subito gli avversari nella gara podistica più longeva del Cilento fermando il crono sui 32’25”. Alle sue spalle, con un distacco di 25” Vincenzo Agata (Asd Metalfer Podistica Brienza 2000). Gradino più basso del podio per il sempreverde Gennaro Varrella (Caivano Runners) staccato da Iannone di 1’23” ed autore della solita gara tutto cuore.

La gara

Iannone, una volta superato il primo km ha fatto il vuoto, e poi nei punti più duri, a parte un brevissimo passaggio a vuoto sulla salita della Petrosa, ha mantenuto un ottimo ritmo e in alcuni momenti difficili è riuscito a gestirsi al meglio. Un atteggiamento di gara che gli ha permesso, pur non battendo il suo record italiano (30'35”), di far sua per la terza volta la Corsalonga dopo i successi del 2018 e del 2022.
Tra le donne superato il record di Myriem Lamachi che risaliva all’edizione del 2015. Ed anche in questo caso è stato un hurrà targato Carmax Camaldolese. Infatti la fondista del Burundi Elvanie Nimbona ha primeggiato nella graduatoria femminile arrivando addirittura quarta assoluta con il tempo di 34’ netti.
Secondo posto per Francesca Palomba, vincitrice per due volte a San Giovanni a Piro, che, con la casacca della Caivano Runners campione d’Italia femminile di corsa su strada, ha chiuso in 38’39”. In terza posizione Giuseppina Lamula (Asd Atletica Teverola), trionfatrice nel 2022, con il tempo di 40’33”.

Gli altri nomi

Nel trofeo “Nicola Paradiso” è arrivato il decimo sigillo per Alessio Sorrentino, primo sangiovannese al traguardo. A Sorrentino è stato consegnato un premio realizzato in legno da Marco Miele, figlio di un artigiano del legno di San Giovanni a Piro, Gaetano Miele, prematuramente scomparso lo scorso 30 dicembre, mentre il “Sorriso Monica Magliano” è andato per la quarta volta ad Anna Grieco.
Nella graduatoria a squadre la Cilento Run si è autoesclusa come società organizzatrice; vittoria, dunque, alla Carmax Camaldolese davanti alla Metalfer Podistica Brienza 2000 ed alla Podistica Pollese.
Il premio Zicola in ricordo di Nicola Cariello per il miglior sangiovannese Under 21 è stato conquistato da Francesco Magliano.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corsalonga 2024: Iannone cala il tris, la Nimbona straccia il record femminile

SalernoToday è in caricamento