Una Costiera sempre più eco-friendly: la Rete per lo Sviluppo Sostenibile

La Costiera Amalfitana diventa sempre di più plastic free. E' scesa in campo, infatti, la Rete per lo Sviluppo Sostenibile e Turistico della Costiera Amalfitana con alcune iniziative che renderanno la Divina sempre più eco friendly

La Costiera Amalfitana diventa sempre di più plastic free. E' scesa in campo, infatti, la Rete per lo Sviluppo Sostenibile e Turistico della Costiera Amalfitana con alcune iniziative che renderanno la Divina sempre più eco friendly. A spiegare le iniziative durante la consegna di borracce in tritan ai ragazzi delle scuole, è stato Andrea Ferraioli, direttore del Distretto Turistico della Costiera Amalfitana: "Oggi in Costiera Amalfitana inizia un processo culturale innovativo. La consegna delle borracce in tritan, ai ragazzi delle scuole è un primo passo e serve per educare i bambini ed attraverso loro i cittadini ed i residenti della Costiera alla riduzione dell'utilizzo di plastica. Ovviamente il progetto riguarda il turismo, i viaggiatori ma abbiamo pensato di partire prima dai cittadini residenti per essere coerenti. L'utilizzo di una borraccia in tritan che è un materiale di ultima generazione lavabile in lavastoviglie, un polimero che non contiene sostanze chimiche e tossiche ed è ecologico, resistente alle temperature e per questo lavabile in lavastoviglie, ci permette di non immettere nell'ambiente ben 80 g di CO2 ogni volta che la utilizziamo. Fortunatamente la Costirera Amalfitana non è oggetto di inquinamento da plastica e lo abbiamo sperimentato questa Estate quando abbiamo messo in mare lo spazzamare e addirittura dei Droni per il monitoraggio del mare e non sono stati trovati molti rifiuti. E' un progetto che mira alla protezione di un ecosistema così delicato che va assolutamente protetto".

Le altre iniziative

"Il progetto sostenibilità voluto dalla Rete per lo Sviluppo Sostenibile e Turistico della Costiera che è il braccio operativo del Distretto Turistico formato al suo interno da 60 imprese e dalle 14 amministrazioni comunali dei paesi della Costiera. Non solo le borracce - ha proseguito Ferraioli - ma oggi abbiamo installato anche 20 case dell'acqua del sindaco. La ricaduta per l'ambiente sarà importante: almeno 600.000 bottigliette di plastica usa e getta in meno ogni anno, 90.000 metri di plastica in meno da smaltire e addirittura 480.000 kg di CO2 non prodotte sempre ogni anno. Attraverso i giovani, per questo abbiamo deciso di partire dai ragazzi, le buone pratiche arriveranno anche in tutte le famiglie. Non è finita perché nelle prossime settimane installeremo ben 35 colonnine per auto elettriche lungo i 40 Km della Costiera. Una grande rivoluzione che parte dagli imprenditori, in piena sinergia con tutte le Amministrazioni Comunali ed anche con l'Area Marina Protetta Punta Campanella e l'Ente Parco dei Monti Lattari".

I commenti

"Da oggi parte concretamente un cambiamento culturale in Costiera Amalfitana - ha dichiarato Gian Luca Della Campa, responsabile del Progetto Sostenibilità - anche perché la Costiera Amalfitana si è resa conto che solo la sostenibilità può tutelare e salvaguardare i luoghi, senza modificarli, senza cambiare l'apporto economico che possa avere il turismo. Però deve essere un turismo regolato, regolamentato e devono esserci dei servizi a disposizione sia per i turisti che per i cittadini. Oggi è partita la campagna di riduzione dei rifiuti. La prima cosa che stiamo facendo è eliminare l'usa e getta, cercare di portare nuovi messaggi partendo dalle scuole per poi contaminare tutto il territorio. Nei prossimi mesi seguiranno altre azioni incisive". "Oggi è una giornata importante che sottolinea che quando il pubblico, dunque le Amministrazioni Comunali ed il privato, nello specifico la Rete del Distretto Turistico, lavorano insieme - ha commentato Giovannino Di Martino, Presidente della Conferenza dei Sindaci della Costiera Amalfitana - si possono raggiungere grandi risultati su vasta scala. Oggi la Costiera Amalfitana segna una tappa importante per quanto riguarda la tutela dell'ambiente ed attraverso questa iniziativa posta in essere dal Distretto Turistico apriamo un nuovo percorso nel contrasto, nella lotta all'uso ed alla diffusione della plastica nel vivere comune. Non più bottigliette. Inoltre è davvero importante l'arrivo dell'app Junker che consentirà di avere uno strumento informativo non solo per noi studenti ma anche per i turisti, sulla raccolta rifiuti. Quindi un buon viatico che servirà anche a rafforzare l'esperienza di condivisione sulla gestione dei rifiuti che si sta portando avanti con la società Miramare service".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con l'auto contro un albero: morta la 24enne di Auletta

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • Luci d'Artista 2019/2020: un giro d'affari di quindici milioni di euro

  • Choc in via San Leonardo, a Salerno: donna trovata morta con la gola tagliata

Torna su
SalernoToday è in caricamento