social

Tesi Magistrale sulle Radio libere e Radio Sapri discussa a Salerno

La notizia arriva dall'Università degli Studi di Salerno, con la soddisfazione della R.E.A. , presieduta dal dottor Antonio Diomede, che, in questo periodo, sta conducendo una battaglia civile in nome del pluralismo democratico e in favore dei territori e delle piccole e medie emittenti radiotelevisive

La studentessa di origini colombiane Estefanìa Copete Vèlez, ha discusso presso l'Università degli Studi di Salerno una tesi di Laurea Magistrale (relatore il Professor Pietro Cavallo, correlatore il professore Marcello Ravveduto) in Corporate Communication e Media (Dipartimento di Scienze Politiche e della Comunicazione) sulle Radio libere, liberalizzate e legittimate dalla rivoluzionaria sentenza del 1976 della Corte Costituzionale, e sui 6 anni di libertà d'antenna di Radio Sapri (1976-1982), parlando anche della R.E.A, del potentino Nino Postiglione, che, secondo una dettagliata indagine conoscitiva, proprio della R.E.A., è stato riconosciuto di recente il primo pioniere delle Radio in Fm, avendo fondato, nel 1973, con la moglie Palmina Tortorelli, Radio Diffusione, che, poi, diventò Radio Potenza Centrale, che è un Network molto ascoltato in Basilicata e nel Sud Italia, e del futuro della Radio: "la scatola magica- scrive Estefanìa- che procura e regala emozioni"

La tesi

Una tesi che parla di una grande stagione di libertà di espressione, quella delle Radio libere, che onorò l'articolo 21 della Costituzione Repubblicana, nata dalla resistenza, con ricerche, riferimenti audio-visivi e un grande spazio a Radio Sapri (1976-1982), unica emittente della nostra regione ad essere inserita nel blog della storia delle Radio in Fm, grazie alla storica e rocambolesca intervista del 17 gennaio 1979 a Papa Wojtyla, realizzata da Tonino Luppino dopo appena tre mesi di Pontificato, che si travestì da missionario sudamericano pur di realizzarla, ma anche per il suo impegno nel sociale. La neo dottoressa Estefanìa Copete Vèlez, definisce Luppino, "uno dei massimi esponenti delle Radio libere in Italia, con Peppino Impastato, ucciso dalla mafia nel 1978, e Vasco Rossi, primo dj delle Radio in Fm e oggi rock star di fama nazionale. Va evidenziato che Estefanìa, al termine della discussione, ha intonato la famosa canzone del 1976 di Eugenio Finardi "La Radio". Una bella idea, molto gradita dai Professori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tesi Magistrale sulle Radio libere e Radio Sapri discussa a Salerno

SalernoToday è in caricamento