rotate-mobile
social Positano

Abbandonato al gelo: Neve "torna in vita" grazie alla famiglia Fusco, la storia

Le mamme gatte quando notano un gattino gelato, allontanano gli altri piccoli e il malcapitato viene abbandonato a morte certa

Una storia commovente e a lieto fine, quella del piccolo Neve, micino salvato da morte certa dal noto fotografo della Costiera, Fabio Fusco. A raccontare alla nostra redazione quanto accaduto a Positano, nei giorni scorsi, lo stesso Fusco:

Mio padre cura l'orto del giardino di mia moglie Paola, lì c'era questa gatta incinta (non nostra, ma di un vicino) che trascorreva la notte al coperto, così mio babbo gli comprò un sacchetto di croccantini che le dava, insieme all'acqua, la mattina quando si recava lì. Verso il 10 ottobre sento miagolare i piccoli, mi avvicino e dietro dei pannelli di legno vedo che mamma gatta aveva partorito: ogni mattina quando la mamma si assentava, i gattini miagolavano. il 14 ottobre mattino, vado in giardino per constatare i danni del fortissimo e freddissimo vento di tramontana, ma non sento miagolare: strano! Così mi affaccio e con la luce del cellulare vedo un piccolo solo: era completamente freddo, semicongelato (le mamme quando notano un gattino freddo allontanano i piccoli e quello viene abbandonato a morte sicura).

Subito lo metto nel mio giubbino piumino e corro a casa dei miei per tentare di riprenderlo. Con mia mamma e sorella subito con un phone avvolto in una coperta, tentiamo di rianimarlo: ben 45 minuti con aria calda e massaggio con le mani, inizia a muoversi sempre di più, miagolando.

250627878_910070423048311_1114020943776376894_n-2

Neve: questo il nome dato al cucciolo. Fusco ha quindi allertato l'associazione OVD Positano SOS Animali per ricevere informazioni circa la nutrizione del micino. "Inizia a mangiare pian piano, ogni 3 ore la poppata. Per i primi due giorni io, mamma, mia sorella e nipote lo nutriamo, e usiamo  coperte riscaldate per farlo riposare. Poi lo diamo per 4-5 giorni ad una volontaria che ci ha aiutato molto. E giorno dopo giorno si è ripreso bene: adesso svezzato, gioca, mangia e riposa. Mia nipote gli ha comprato una casetta (hanno già un gatto nero che si chiama Minù molto geloso). Lo abbiamo chiamato Neve ed è un bel maschietto", ha concluso Fusco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbandonato al gelo: Neve "torna in vita" grazie alla famiglia Fusco, la storia

SalernoToday è in caricamento