Natale 2020 nelle Carceri, la lettera-appello di Don Pasquale Cascio e Don Rosario Petrone

La lettera: "L’appello e l’augurio per questo Santo Natale sono rivolti proprio per questo stile del passo dopo passo per entrare e prendersi cura dei fratelli e delle sorelle in detenzione"

Lanciano il loro messaggio di Natale, Pasquale Cascio, Vescovo delegato, e Don Rosario Petrone, Responsabile Regionale dei Cappellani delle Carceri per la Campania. La gioia del Natale di Gesù, portatrice di speranza e forza di grazia per affrontare la vita nelle sue difficoltà, torna ad illuminare i bisogni e i desideri dei detenuti, in questo particolare tempo di pandemia.

La lettera e l'appello per tutta la società civile

Essi vedono moltiplicati i loro timori e le loro necessità. Tutti gli operatori all’interno e all’esterno delle strutture si impegnano per dare serenità e sollievo concreto a questi bisogni.  Sentiamo però il clima di isolamento in cui si trova il complesso mondo della detenzione, quasi che la dimenticanza faccia parte della pena. Come cittadini e come cristiani ci opponiamo a questo isolamento. Il nostro lavoro quotidiano con gli operatori delle strutture e con gli uomini e le donne di buona volontà cerca di far sentire forte e concreta la vicinanza ai detenuti, testimoniando che chi vive fuori non li ha dimenticati, ma li stima e li attende nella libertà da ritrovare e nella vita da ricostruire.

Perciò facciamo appello a tutta la società civile perché favorisca un clima di simpatia, di stima e di incoraggiamento verso le sorelle e i fratelli detenuti, questo clima nuovo sarà il vero pungolo agli amministratori della cosa pubblica e alle forze politiche e di governo affinché intervengano per una giustizia che difende la dignità’ della persona e si adopera per la sicurezza sanitaria, l’educazione al bene comune  in vista dell’inserimento di tutti nel tessuto sociale, nella libertà, con il lavoro e per la democrazia. 

Apprezziamo tutti quelli che già si adoperano in questa prospettiva di cambiamento dell’opinione pubblica e del vero interesse verso il mondo della detenzione, come l’ultima iniziativa della pastorale carceraria della diocesi di Napoli. Siamo concordi negli obiettivi e stiamo già lavorando nelle carceri, nei corridoi umanitari aperti e da aprire tra il carcere e la società civile, con l’inserimento dignitoso, fattivo e pieno di speranza di quanti, passo dopo passo, ritrovano la libertà.

L’appello e l’augurio per questo Santo Natale sono rivolti proprio per questo stile del passo dopo passo per entrare e prendersi cura dei fratelli e delle sorelle in detenzione e del passo dopo passo per accompagnarli di nuovo nella società civile e nella comunità ecclesiale. Auguriamo Santo Natale dal carcere e attendiamo di sentire dall’esterno il grido corale “Buon Natale”.
 

                                                                              


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

  • Terremoto nel Salernitano, parla il sindaco di Bracigliano: "Un boato"

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

Torna su
SalernoToday è in caricamento