rotate-mobile
social

"Nel nome della madre": il thriller ambientato a Salerno di Maria Cristina Grella

"Nel nome della madre" è un thriller contemporaneo, ambientato nella meravigliosa cornice di Salerno, capace di tenere sapientemente insieme scrittura veloce e ritmo incalzante della scuola americana e la caratterizzazione del giallo all’italiana

Grande curiosità tra i bibliofili salernitani per l'uscita in libreria, il prossimo 12 luglio, del libro, edito da De Agostini, Nel nome della madre, di Maria Cristina Grella. Il libro è, infatti, il vincitore della sesta edizione di Fai viaggiare la tua storia, il premio organizzato da Libromania in collaborazione con De Agostini Libri.

Nel nome della madre è un thriller contemporaneo, ambientato nella meravigliosa cornice di Salerno, capace di tenere sapientemente insieme scrittura veloce e ritmo incalzante della scuola americana e la caratterizzazione del giallo all’italiana.

La sinossi dell'opera

E' una fredda domenica di dicembre quando il corpo di una giovane donna viene ritrovato seminudo sulla spiaggia di Vietri sul mare. Si chiama Elena Schiano, è stata strangolata e il suo cadavere, avvolto in un vecchio plaid, è ricoperto solo da un dolcevita nero. Il commissario della polizia di Salerno Irene Bruno e la sua squadra iniziano a indagare e non tardano a individuare i collegamenti con altri omicidi irrisolti. Le vittime erano tutte future madri. Prostitute. Elena Schiano aveva un passato difficile e aspettava un figlio. In una città illuminata dallo spettacolo delle Luci d’artista e in preda alla frenesia degli acquisti di Natale, la caccia al killer negli ambienti degradati della zona diventa un’ossessione per Irene. Da quando è rimasta vedova, pochi mesi prima, il lavoro è diventato l’unico anestetico per affrontare i fantasmi di una vita: l’ombra del rapporto con la madre, i figli non avuti, i troppi silenzi sulla morte del marito.

Un’indagine serrata per il commissario Irene Bruno, aiutata dal vice Andrea Tittarelli – trapiantato da Perugia in un Sud che non conosce e non capisce – e l’ispettrice Amina Najib. Un caso intricato che li costringe a rischiare la vita e a confrontarsi con gli istinti più atavici e oscuri dell’animo umano.

L'autrice

Maria Cristina Grella vive a Perugia insieme al marito e ai suoi gatti. Laureata in Lettere moderne, insegnante, ha pubblicato racconti e romanzi brevi con diversi editori. Insieme a Franco Forte e Davide De Boni è autrice di Servio Tullio – Nato dal fuoco, sesto volume della saga I sette re di Roma (Mondadori 2022). Collabora con MilanoNera, portale web dedicato al giallo e al noir. Con il thriller Nel nome della madre ha vinto la sesta edizione del concorso Fai viaggiare la tua storia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nel nome della madre": il thriller ambientato a Salerno di Maria Cristina Grella

SalernoToday è in caricamento