"Restauro digitale" de Il Martirio di San Lorenzo: il video

Un restauro, seppure digitale, delle tante opere presenti sul nostro territorio: questa è l'idea di Daniele Barone, grafico e creativo di Scala che, grazie alle tecniche digitali, ha già restaurato la tela de Il Martirio di San Lorenzo del Cacciapuoti

 

Un restauro, seppure digitale, delle tante opere presenti sul nostro territorio: questa è l'idea di Daniele Barone, grafico e creativo di Scala che, grazie alle tecniche digitali, ha già restaurato la tela de Il Martirio di San Lorenzo del Cacciapuoti, che adorna il soffitto della navata centrale del Duomo di Scala.

Nel video, pubblicato dallo stesso Barone, si può vedere il prima ed il dopo l'intervento di restauro e poter, quindi, ammirare l'opera nella sua originaria bellezza.

Il commento

Quante opere d’arte abbiamo nel nostro territorio? Tantissime!

Spesso però in condizioni non del tutto ottimali, per via del tempo che scorre inesorabile, dell’incuria, della mancata tutela e conservazione. Attraverso un progetto personale voglio cercare di recuperarle e valorizzarle, seppur in maniera digitale.

Il mio intento è quello di riportare queste tantissime opere d’arte agli antichi splendori, partendo proprio dal luogo in cui vivo... Scala, il paese più antico della Costiera Amalfitana, un tesoro nascosto tutto da scoprire!

Come? Attraverso diverse tecniche di fotoritocco e post-produzione avanzata, dando infine la possibilità di osservare un prima e dopo dell’elaborazione digitale.

Spero vivamente che questo primo passo venga condiviso da più persone e supportato da chi ha a cuore la tutela e la conservazione, da chi ama l’Arte, la Cultura, da chi ama la Storia di questa splendida terra… ognuno di noi può fare la sua parte!

In questo video potete vedere un prima e dopo del lavoro svolto, su una delle quattro tele del Cacciapuoti (1747 d.c.), che adornano il soffitto della navata centrale, raffiguranti la vita di San Lorenzo nel Duomo di cui ne è patrono.

Daniele Barone

Potrebbe Interessarti

Torna su
SalernoToday è in caricamento