rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
social

Torna dopo 30 anni nel reparto dove fu ricoverata: la presidente Rotaract Club Salerno dona strumenti utili in Neonatologia

Tale donazione è avvenuta in seguito ad una raccolta di beneficenza organizzata dalla My English School, sede di Salerno, che a Natale scorso ha devoluto il ricavato della vendita di box natalizi al Rotaract Salerno che, a sua volta, lo ha destinato all'acquisto di oggetti necessari alla neonatologia del Ruggi

Una giovane laureanda in medicina è ritornata nel reparto di Neonatologia dell'AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno, dove trent'anni prima fu ricoverata perché nata prematura, per effettuare una donazione in qualità di presidente del Rotaract Salerno. È accaduto oggi pomeriggio, al Ruggi, nel reparto diretto dalla dottoressa Graziella Corbo: Simona Levi, presidente Rotaract Club Salerno e la prossima dottoressa in medicina, Rosaria Flora Ferrara, presidente Rotaract Salerno Duomo, hanno consegnato alla dottoressa Corbo, alla presenza di Walter Longanella, direttore di Presidio, diversi e fondamentali contributi (bilance, tiralatte, scaldabiberon, un carrello, etc).

Il dono

Tale donazione è avvenuta in seguito ad una raccolta di beneficenza organizzata dalla My English School, sede di Salerno, che a Natale scorso ha devoluto il ricavato della vendita di box natalizi al Rotaract Salerno che, a sua volta, lo ha destinato all'acquisto di oggetti necessari alla neonatologia del Ruggi. "Questi gesti, caratterizzati da atteggiamenti di altruismo e di generosità, vanno a supportare l'intenso lavoro e l'impegno profuso nel reparto che dirigo", ha detto la dottoressa Corbo. Dello stesso avviso, il dottor Longanella che, nell'apprezzare e nel lodare l'iniziativa, ha ringraziato i due presidenti anche a nome di Vincenzo D'Amato, direttore generale del Ruggi.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna dopo 30 anni nel reparto dove fu ricoverata: la presidente Rotaract Club Salerno dona strumenti utili in Neonatologia

SalernoToday è in caricamento