menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giornata mondiale della Terra, le soluzioni "tecnologiche" di Acquatec per l'ambiente

Acquatec propone di adottare soluzioni e tecnologie che siano in grado di evitare la diffusione del contagio, ma al tempo stesso possano salvaguardare il mare e l’ambiente che ci circonda

Ieri ricorreva la Giornata Mondiale della Terra e a tal proposito urgono importanti riflessioni.  L’emergenza sanitaria mondiale dovuta al Covid-19 segnerà inevitabilmente i comportamenti di noi tutti, soprattutto nel quotidiano. Il rischio reale è che la paura di una successiva diffusione del coronavirus nella fase 2 possa farci ripiombare nel baratro ed inneschi una serie di meccanismi tali da farci dimenticare quanto invece la natura, il mare, l’ambiente abbiano giovato di questo nostro stop per respirare.

Le proposte di Acquatec

La consapevolezza che l’essere umano sia in fondo l’artefice principale di questo processo ambientale degenerativo, è emersa in maniera ancora più preponderante proprio in questa fase di lockdown planetario. A tal proposito Acquatec, società che opera nel trattamento e sanificazione dell’acqua, non intende fare un solo passo indietro. Coerentemente alle recenti battaglie degli ambientalisti e alle disposizioni emanate dal Ministero dell’Ambiente nell’ambito della campagna Plastic Free, ampiamente sostenuta da molte associazioni come Marevivo, Acquatec propone di adottare soluzioni e tecnologie che siano in grado di evitare la diffusione del contagio, ma al tempo stesso possano salvaguardare il mare e l’ambiente che ci circonda. Lo spettro principale è proprio il ritorno all’utilizzo di bottigliette, bicchieri ed altro materiale monouso in plastica. 

Strumenti di tutela

Siamo in primavera inoltrata e l’estate è alle porte, strutture balneari, alberghi, così come uffici ed aziende, possono adottare tranquillamente strumenti in grado di tutelare entrambe gli aspetti. Specifici erogatori dotati di lampade UV e sanificazione ad ozono delle borraccine, sono solo alcuni degli esempi, peraltro già adottati da molte strutture, di questi virtuosismi. La tecnologia può e deve essere determinante nel superare questa emergenza. Bisogna farne un buon uso. Sarebbe un vero peccato buttare via anni ed anni di lotte e di risultati importanti raggiunti a tutela del mare e dell’ambiente ritornando ad infestare il pianeta con i nostri rifiuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Auto e moto

Scadenza del bollo auto: novità e consigli dall'ACI Salerno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento