rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
social

Salerno, Poste Italiane apre una casa per le donne vittime di violenza

Quello del capoluogo è uno dei dieci alloggi, appartenenti al patrimonio immobiliare di Poste Italiane, da destinare, attraverso il comodato d’uso gratuito, alle donne, spesso con figli minori, che si trovano in condizione di particolare disagio economico

Prosegue il progetto “Autonomia abitativa donne vittime di violenza” promosso da Poste Italiane. A Salerno il responsabile di Immobiliare per l'area Sud di Poste Italiane, Antonio Napolitano, ha consegnato ad Elisa Ercoli, presidente dell’associazione “Differenza Donna”, le chiavi dell’immobile che sarà ceduto per i prossimi cinque anni all’associazione stessa.

L’accoglienza per le donne

Quello di Salerno è uno dei dieci alloggi, appartenenti al patrimonio immobiliare di Poste Italiane, da destinare, attraverso il comodato d’uso gratuito, alle donne, spesso con figli minori, che si trovano in condizione di particolare disagio economico. L’obiettivo è quello di supportarle e accompagnarle nel percorso di reinserimento sociale insieme alle operatrici dei centri antiviolenza di “Differenza Donna”. La Campania è una delle nove regioni coinvolte nel progetto, nel quale ha svolto un ruolo chiave la partnership con l’associazione “Differenza Donna” e con il Centro Anti Violenza “Aretusa”.L’appartamento di Salerno dispone di 4/5 posti letto, a seconda della presenza o meno di figli.I percorsi che si attiveranno sono stimabili in 20/25, per un totale di 200 percorsi in tutta Italia, per la durata dell’intero progetto.

I commenti 

Soddisfatto Napolitano: “Oggi aggiungiamo un altro tassello alle politiche per l'inclusione di Poste Italiane, che per questo progetto ha messo a disposizione diversi immobili in tutta Italia. Siamo molto orgogliosi di consegnare le chiavi di un nostro immobile ad un'associazione che assisterà donne in difficoltà, ospitandole in un luogo sicuro nel quale potranno avviare in tutta serenità un percorso di uscita dalla violenza di genere. Allo stesso tempo, siamo anche orgogliosi di rappresentare un'azienda che può vantare il 55% di dipendenti donne, anche a livelli apicali”. Gli fa eco Ercoli: “Garantire percorsi di semi autonomia per donne in uscita dalla violenza con i loro bambini e le loro bambine significa permettere alle donne di fare il salto definitivo per una autonomia sociale e lavorativa solida e duratura. Dalla nostra esperienza sappiamo che per combattere la violenza maschile sono necessari interventi reali e concreti: una Casa di Semi Autonomia può fare veramente la differenza per una efficace riconquista da parte delle donne della propria partecipazione nella società”.  “Esprimiamo tutta la nostra soddisfazione per la consegna dell’immobile aziendale alla realtà associativa del Terzo Settore CAV Aretusa che opera sul territorio a supporto delle donne vittime, con l’obiettivo di modificare nella società la percezione dell’entità e della gravità del fenomeno della violenza maschile sulle donne. Come Poste Italiane – sottolinea il responsabile Rsi Massimiliano Monnanni - siamo fermamente determinati ad operare in maniera proattiva al loro fianco in questa battaglia culturale, anche attraverso un concreto e costante sostegno in termini di responsabilità sociale d’impresa, volto innanzitutto all’autonomia abitativa, economica e sociale delle donne vittime di violenza con i loro figli e le loro figlie, unico vero antidoto al ripetersi di tali fenomeni”

Il ruolo delle Poste

Poste Italiane, con questo progetto sull’autonomia abitativa, attesta ancora una volta un primato tra le aziende nel panorama italiano in materia di sostenibilità. Due anni fa l’azienda ha ricevuto il premio 2020 CSR Coup de Coeur per la categoria Dipendenti da PostEurop, l’associazione degli operatori postali pubblici europei, per il programma “Inclusione lavorativa delle donne vittime di violenza” basato sul coinvolgimento attivo delle aziende fornitrici del Gruppo Poste Italiane, quali destinatarie di progetti di accoglienza lavorativa. Inoltre, il Gruppo guidato dall’amministratore delegato Matteo Del Fante, si è guadagnato per il terzo anno consecutivo un posto nel Gender-Equality Index (GEI) 2022, il principale indice internazionale che misura la qualità delle iniziative aziendali per l’eguaglianza e l’inclusione, vantando una maggioranza femminile (circa il 55%) tra i propri dipendenti ed essendo una delle 19 aziende a livello mondiale ad aver superato in ogni fascia retributiva il gender pay gap, il divario retributivo di genere.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salerno, Poste Italiane apre una casa per le donne vittime di violenza

SalernoToday è in caricamento