Giovedì, 5 Agosto 2021
social

"Questo è l'anello": Salerno diventa set per il corto scritto da Diego De Silva

Il cortometraggio rientra nel progetto Una banca di racconti, promosso da Fondazione Cassa Rurale Battipaglia e Banca Campania Centro in collaborazione con l’Associazione “Salerno In Festival” e patrocinato dal comune di Salerno

Ancora una volta Salerno diventa set per un'opera di Diego De Silva. I Giardini della Minerva, Palazzo Copeta, Largo Conforti sono, infatti, alcune delle location del set Questo è l’anello, cortometraggio di Banca Campania Centro scritto da Diego De Silva nell’ambito della XXVI edizione del Linea d'Ombra Festival in programma a Salerno dal 23 al 30 ottobre 2021 e distribuito nel circuito internazionale dei festival di cortometraggi.

Il corto

Il cortometraggio rientra nel progetto Una banca di racconti, promosso da Fondazione Cassa Rurale Battipaglia e Banca Campania Centro in collaborazione con l’Associazione “Salerno In Festival” e patrocinato dal comune di Salerno. Il progetto ha visto la partecipazione dei giovani soci Kairòs di Banca Campania Centro, prima al laboratorio didattico da aprile a luglio, e poi – dal 6 all’8 luglio - alla realizzazione del cortometraggio in collaborazione con la casa di produzione Hobos Factory e sotto la direzione di Luigi Marmo. L’intera iniziativa punta alla promozione territoriale e alla diffusione della cultura della buona finanza al servizio dei cittadini.

I commenti

"Siamo molto felici di questa sinergia – ha affermato Federico Del Grosso, presidente della Fondazione Cassa Rurale Battipaglia - I ragazzi hanno partecipato attivamente a tutti i webinar formativi e hanno avuto la possibilità di confrontarsi con professionisti del settore durante questi tre giorni di riprese. L’iniziativa ha confermato la sensibilità della Fondazione e di Banca Campania Centro verso attività che valorizzino le eccellenze del territorio e siano di stimolo ai nostri giovani".

Il cortometraggio parlerà infatti della vicinanza della cooperativa di credito al territorio, una vicinanza confermata dalla presenza di molti consiglieri di amministrazione della banca durante la tre giorni di riprese: "Le location del cortometraggio sono state scelte per valorizzare la città di Salerno – ha detto il vicepresidente di Banca Campania Centro Carlo Crudele - Un’esaltazione che è comune però anche alla nostra banca. Siamo vicini al territorio da più di un secolo, continueremo a farlo in nome di quella mission di cooperazione e attenzione ai Soci che ci caratterizza".

La narrazione geografica del capoluogo salernitano è una delle chiavi di lettura del cortometraggio: "Ancora una volta la nostra Banca si conferma vicina al territorio – ha ricordato infatti Rossella Montoro, consigliera di Banca Campania Centro – Rivedere questi luoghi che mi hanno accompagnato fin dall’infanzia è per me motivo di forte emozione. Il cortometraggio darà sicuramente lustro alla città di Salerno e confermerà l’attenzione della cooperativa di credito ai luoghi in cui opera".

Una cooperativa sensibile all’arte e alla cultura, come ha ricordato il regista Luigi Marmo: "E’ davvero entusiasmante il fatto che una banca sia vicina a questo tipo di attività. La produzione di un corto richiede giorni di lavoro e professionisti del settore e avere al nostro fianco dei mecenati che scelgono di sostenerti è sicuramente molto importante. Abbiamo raccontato una storia, la storia di una realtà bancaria vicina al proprio territorio e ai propri giovani".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Questo è l'anello": Salerno diventa set per il corto scritto da Diego De Silva

SalernoToday è in caricamento