menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frana a Sarno, domani il 23esimo anniversario in ricordo delle 137 vittime

Il programma, nel rispetto delle norme anti Covid, prevede alle ore 12.00 la messa a dimora di alberi in Piazza 5 Maggio donati dal Rotary Club di Nocera Inferiore-Sarno; alle ore 19.00

Cade domani il 23esimo anniversario dell'alluvione che il 5 maggio 1998 provocò solo nel comune di Sarno 137 morti. Il programma, nel rispetto delle norme anti Covid, prevede alle ore 12.00 la messa a dimora di alberi in Piazza 5 Maggio donati dal Rotary Club di Nocera Inferiore-Sarno; alle ore 19.00, nel Duomo di Episcopio, il parroco don Antonio Calabrese celebrerà la Santa Messa in suffragio delle vittime; alle ore 20.00, il Sindaco Giuseppe Canfora, in Viale Margherita, deporrà una corona di fiori sulla statua che ricorda le vittime della frana.

La tragedia

Il comprensorio di Sarno fu colpito da un eccezionale evento piovoso e in sole 72 ore caddero oltre 240/300 millimetri di pioggia. Dalle pendici del monte Pizzo d’Alvano, si staccarono due milioni di metri cubi di fango travolgendo i centri abitati vicini, tra cui l’ospedale di Sarno. Villa Malta crollò, seppellendo sotto al fango 2 medici, 3 infermieri, il portiere dell’ospedale e 5 pazienti (tra cui 2 bambini). Tra il 5 e il 6 maggio del 1998 si consumò una delle più gravi tragedie italiane con ben 160 morti, 137 nella sola Sarno, 11 a Quindici e 5 a Siano. Episcopio, frazione di Sarno, fu rasa al suolo. Tra le vittime ci fu anche un soccorritore, un vigile del fuoco, al quale fu attribuita la medaglia d’oro al valor civile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

social

Dopo il "Zitt!" arriva la festa anche per Raffaele il Vikingo

social

Salerno: apre "Osteria di Pescheria", "Pizzicorio" diventa anche bar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento