Moio della Civitella (SA): installato un defibrillatore automatico nella sede comunale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Moio della Civitella (SA) – La salute dei propri cittadini al centro dell’attenzione del Comune di Moio della Civitella. «Abbiamo pensato di collocare un defibrillatore automatico esterno (DAE) nell'atrio d’ingresso del municipio perché è un punto baricentrico rispetto ai due centri abitati (Moio e Pellare, n. d. r.)». Così il sindaco Enrico Gnarra ha commentato l’iniziativa dell’Amministrazione comunale di installare – nella mattinata del 18 ottobre – un defibrillatore nella sede comunale. In particolare, per il Primo cittadino di Moio della Civitella: «Tale luogo rappresenta il punto dove – soprattutto nelle ore diurne – confluisce un certo numero di persone. Infatti, oltre al municipio, qui c’è anche la sede dell'ufficio postale; uno sportello della BCC di Buccino e dei Comuni Cilentani e – a pochi metri di distanza – le scuole; la palestra; la farmacia e varie attività commerciali». Allo stesso tempo, Il Comune di Moio della Civitella ha ritenuto fondamentale mettere a disposizione della collettività – durante lo svolgimento delle partite di calcio sul campo sportivo comunale – anche un altro defibrillatore. Tuttavia, come ha puntualizzato il sindaco Gnarra, tali iniziative sono soltanto le ultime in ordine di tempo in tema di prevenzione: «Già due anni fa abbiamo organizzato un corso di primo soccorso, ma è nostra intenzione organizzare alcuni incontri formativi e informativi per spiegare l'utilizzo e il funzionamento del defibrillatore semiautomatico. I corsi saranno rivolti, oltre che a tutti i dipendenti comunali, a chiunque vorrà parteciparvi. Presto ne vorremmo installare altri due: uno in località (via) Piedi di Moio e un altro in piazza Santa Caterina a Pellare, in modo da coprire l’intero territorio comunale, privilegiando i luoghi di maggiore affluenza», prosegue il sindaco Enrico Gnarra, il quale conclude sottolineando che attraverso l’acquisto di tali dispositivi medici “salvavita” a bassa complessità per quanto concerne l’utilizzo, ma capace di fare la differenza tra la vita e la morte, se utilizzato in maniera tempestiva: «L’Amministrazione comunale ha deciso di investire sulla salute dei cittadini, aumentando la protezione in caso di emergenza». Un investimento importate sotto il profilo della cardio-protezione, se si pensa che – stando alle statistiche mediche – ogni anno in Italia muoiono circa 60.000 persone a causa di un arresto cardiaco (pari al 10% del totale dei decessi). Rosy Merola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento