Rilanciare il turismo archeologico attraverso social media specifici: il progetto con capofila l'Unisa

Le Università degli Studi di Salerno, Milano Bicocca e Londra Middlesex, in collaborazione con la BMTA, presentano il progetto di ricerca "Turismo Archeologico e Giovani – insight e policy per un New Normal"

Il rilancio del turismo archeologico passa attraverso i social media strategici quali alleati emozionali per intercettare Millennial e Generazione Z: questo è quello che pensano le Università degli Studi di Salerno (capofila), Milano Bicocca e Londra Middlesex che, in collaborazione con la BMTA, presentano il progetto di ricerca Turismo Archeologico e Giovani – insight e policy per un New Normal, i cui risultati saranno presentati in occasione della XXIII edizione della BMTA.

La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

Alla sua XXIII edizione, in programma dall’8 all’11 aprile 2021, la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico si conferma da oltre un ventennio come luogo di dialogo e confronto tra cultura e business. E quale migliore sintesi avrebbe potuto dare corpo a siffatto connubio, se non la collaborazione con tre prestigiose Università, lungo un immaginario asse sud-nord, che mette saperi e competenze internazionali a servizio di un segmento turistico così fortemente provato dalle restrizioni imposte dall’emergenza epidemiologica in atto?

Il progetto

Ecco che, sotto la direzione della professoressa Maria Teresa Cuomo del Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche dell’Università degli Studi di Salerno, nasce un interessante progetto di ricerca volto a indagare le condizioni di rilancio del turismo archeologico. E se lo sguardo deve essere fiduciosamente rivolto al futuro, allora quale campione preferenziale coinvolgere nello studio se non Millennial e Generazione Z, oggi solo parzialmente fruitori del patrimonio artistico-culturale nazionale, ma target concretamente trainante di domani?

La ricerca, oltre al Macref – Laboratorio di Management dell’Ateneo salernitano, si arricchisce del contributo scientifico del Criet – Centro di Ricerca Interuniversitario in Economia del Territorio dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e del Dipartimento di Marketing della Middlesex University di Londra, nell’interpretare i nuovi comportamenti cui la società ha dovuto uniformarsi per fronteggiare la pandemia, dimostra, dati alla mano per supportare il modello di ricerca, che coniugare business, cultura e patrimonio non solo è possibile, ma necessario e doveroso, trovando validi alleati proprio nelle nuove forme di connessione virtuali.

Nel loro salto da surrogato di socialità a incalzante proposta di legame, i social media possono divenire strategici alleati emozionali nel preparare il terreno a un new deal del turismo archeologico. È un’occasione da non lasciarsi sfuggire, per dirla in termini di marketing, trasformando una minaccia in opportunità, anche per impostare una rinnovata comunicazione del patrimonio del territorio, valorizzando esperienze di fisicità aumentata in grado di affascinare i nuovi target.

Il questionario, in forma anonima e la cui compilazione richiede solo alcuni minuti, ha l’obiettivo di comprendere, in generale, quali aspetti siano reputati rilevanti per la scelta di visita presso siti/aree/parchi/musei archeologici e se e come cambieranno le priorità a seguito dell’emergenza sanitaria tuttora in corso.

Per il questionario clicca qui

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Angri, tonnellata di hashish nascosta sotto ponte autostrada: camionista condannato

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

  • Terremoto nel Salernitano, parla il sindaco di Bracigliano: "Un boato"

Torna su
SalernoToday è in caricamento