“Un fiore SOSpeso”: l'iniziativa della Federfiori Confcommercio contro la violenza sulle donne

"Perché nessuna donna dovrebbe mai difendersi da chi ama, sentirsi sbagliata e soprattutto non dovrebbe mai aver paura di chiedere aiuto!"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Domani 25 Novembre in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, aderiremo all'iniziativa proposta dalla Federfiori Confcommercio. In collaborazione con la Farmacia Pagliara e Profumo di Fiori di Francesco Carta; doneremo a tutte le donne e alle ospiti della Casa di Accoglienza A. LE. S. S. I. A. gestita da Arci Salerno una gerbera rossa in segno di solidarietà e non violenza.

L'iniziativa nazionale

Una gerbera rossa per dire no alla violenza sulle donne. Il 25 novembre 2mila fiorai regaleranno 100 gerbere rosse a tutti coloro che vorranno omaggiare una donna donandole un fiore. “Un fiore SOSpeso” è il titolo della campagna ideata dall’Unione Induista Italiana e FederFiori-Confcommercio che vedrà coinvolti i fiorai in tutte le regioni italiane.

Proprio come l’iniziativa del “caffè sospeso”, nata a Napoli e che consiste nel lasciare nei bar un caffè già pagato al cliente successivo e che simboleggia un segno di solidarietà verso le persone bisognose, ugualmente Federfiori-Concommercio e l’Unione Induista Italiana intendono dare il loro contributo in questa giornata con un fiore da donare alle donne. I fiorai aderenti all’iniziativa saranno riconoscibili attraverso una locandina affissa all’esterno del punto vendita.

Due gli obiettivi della campagna: lanciare un forte messaggio contro la violenza sulle donne che, nei mesi di lockdown, ha visto incrementare i casi di violenza, ma anche sensibilizzare l’opinione pubblica sul difficile momento che stanno vivendo i fiorai italiani privati, causa Covid, delle tradizionali occasioni in cui i fiori non mancano mai. Il contributo dell’Unione Induista Italiana servirà a finanziare 5 corsi di aggiornamento professionale, estratti a sorte, per chi si avvia all’attività.

"L’Unione induista italiana ha scelto di dire no alla violenza con un piccolo gesto: ‘donare un fiore per un fiore’. Un singolo gesto per un duplice valore: difendere il principio della nonviolenza e, nel contempo, essere vicini alla categoria di fioristi che come molte altre professioni trova in questo periodo difficoltà contingenti-  commenta - Paramahamsa Svami Yogananda Ghiri, fondatore dell’Unione induista italiana- Ringraziamo di cuore Federfiori per aver sposato con immediatezza e passione questa iniziativa tesa a ribadire l’importanza di valorizzare giornate contro la violenza sulle donne, nella speranza che ogni giorno possa diventare il 25 novembre e sensibilizzare in forma sempre maggiore uomini e donne a difendere la non violenza”. “Con questa iniziativa vogliamo dare un messaggio forte contro la violenza sulle donne, che passi attraverso la solidarietà e i fiori - commenta il presidente di FederFiori-Confcommercio, Rosario Alfino - La bellezza, la semplicità e la delicatezza di una gerbera rappresentano perfettamente l’universo femminile: il gesto di donare un fiore ad una meravigliosa creatura deve diventare il primo passo per arrivare all’ eliminazione della violenza sulle donne. Federfiori-Confcommercio premierà, grazie al supporto della Unione Induista Italiana, l’impegno di cinque fioristi che aderiranno all’iniziativa “Fiore SOSpeso”, mettendo in palio la partecipazione gratuita a 5 corsi di aggiornamento professionale”. 

Torna su
SalernoToday è in caricamento