Venticinque anni senza Andrea Fortunato: Salerno ricorda la sua stella

Il terzino di Como, Pisa, Genoa e Juventus morì di leucemia il 25 aprile 1995. Il 24 aprile 1994 giocò la sua ultima partita con la Juventus, a Piacenza

Il 25 aprile 1995 moriva Andrea Fortunato, terzino salernitano di Como, Pisa, Genoa e Juventus. La leucemia lo stroncò nel fiore degli anni, nel pieno del suo vigore atletico. Il 24 aprile 1994 giocò la sua ultima partita con la Juventus, a Piacenza. Poi il buio.

La storia

A furia di correre e crossare, si era imposto anche all'attenzione della Nazionale e aveva debuttato a Tallinn, in Estonia, il 22 settembre 1993. I tifosi della Juventus cominciarono all'improvviso ad accusarlo di "bella vita", in seguito alla eliminazione in Coppa Uefa, ad opera del Cagliari, e della sconfitta nella sfida scudetto contro il Milan. La stanchezza, invece, era conseguenza della malattia che avanzava e non dava tregua. Fece esami, la leucemia comparve in tutta la sua gravità. Il padre Giuseppe e la sorella Paola donarono cellule sane, perché gli venissero infuse. In Umbria, a Perugia, i familiari alloggiavano nella casa messa a disposizione da Fabrizio Ravanelli. La polmonite fu il colpo di grazia. Ai funerali, celebrati in Duomo a Salerno, c'erano 5mila persone e la bara fu sostenuta dai calciatori della Salernitana. Era presente anche la Juventus. Parlò Porrini, erede della sua maglia numero 3, e parlò Vialli, che non trattenne l'emozione. Il ricordo di Gianluca Vialli: "Andrea era un bravissimo ragazzo. Leale, altruista, coraggioso, curioso e simpatico. Era anche un ottimo calciatore con un enorme potenziale e un futuro da giocatore della Nazionale. Per me non era semplicemente un collega ma anche un amico. Adesso è uno dei miei angeli custodi... Andrea mi manchi".

In Cilento

A Santa Maria di Castellabate, la fondazione Fioravante Polito porta avanti il progetto del passaporto ematico in onore di Andrea Fortunato, Falzetti, Morosini, Imbriani. Al terzino salernitano sono stati intitolati anche il museo e la biblioteca del calcio. Da oggi, 24 aprile, al 26 aprile, il mondo del calcio lo ricorderà (purtroppo a distanza, causa Covid-19) durante le giornate mondiali della salute nello sport. I capitani delle squadre di Serie B avrebbe dovuto indossare una fascia speciale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

Torna su
SalernoToday è in caricamento