rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Sport

Ascoli-Salernitana: al Del Duca per scacciare i cattivi pensieri

L'imperativo per Ginestra e compagni è espugnare Ascoli. Per rinverdire il discorso serie B occorre unicamente la vittoria. Anche l'Ascoli, con cinque indisponibili, è in cerca di punti pesanti

La storia più recente in casa granata, per buona pace dei proclami e previsioni estive, parla di un abbrivo non entusiasmante della compagine di mister Sanderra. Il netto 3-0 rimediato dal Teramo al primo atto della Tim Cup, la sconfitta interna subita per mano del Pontedera alla terza uscita in campionato e da L’Aquila nella scorsa settimana hanno ingenerato perplessità negli osservatori ed hanno sminuito ulteriormente il 2-1 casalingo al debutto contro un Lecce che è, allo stato, la vera delusione del torneo. Il pari di Gubbio alla seconda giornata, la vittoria a domicilio contro un modesto Barletta alla quinta ed il soffertissimo passaggio del turno ai calci di rigore in casa contro il Messina in Coppa Italia di Lega Pro non hanno affatto sorridere a cuor leggero i tifosi. Con Foggia da un paio di settimane fermo per infortunio la squadra pare attanagliata da un più o meno latente nervosimo e dall’incapacità di dar vita ad un gioco organico e fattivamente propositivo durante le partite. 
 
Ad Ascoli per il tecnico, difeso a spada tratta dalla dirigenza, sarà probabilmente l’ultima possibilità per salvare la panchina e scongiurare un ingente distacco dal vertice dopo nemmeno un quarto di campionato mandato agli archivi. La Salernitana si avvicina all’incontro del Del Duca augurandosi di contenere al massimo gli svarioni difensivi, fin qui palesati in un certo numero, e aggrappandosi a Gustavo, riscopertosi nel ruolo di trequartista dopo l’infortunio di Foggia, e alla vena realizzativa di Ginestra. La formazione di partenza non dovrebbe discostarsi di molto da quella che ha lasciato l’intera posta in palio all’Arechi a L’Aquila. Probabilmente il balbettante rendimento dei granata è una questione di applicazione e tenuta fisica, non tanto di moduli. Dunque, riconferma del 3-4-1-2, composto da quasi gli stessi interpreti della scorsa stagione, al posto dell’ormai da qualche settimana accantonato 4-3-3. Per i marchigiani (privi di Piacenti, Acampora, Gagnoli, Rosania e Scalise) dopo la retrocessione in terza serie, le impellenze dettate dalla classifica, in cui stazionerebbero a pari punti con la Salernitana a quota sette punti se non fosse per il punto di penalità, sono identiche. Vietato non vincere, per ambedue le formazioni la sterzata può venire soltanto dalla vittoria.

Le probabili formazioni

ASCOLI (4-4-2): Russo, Di Gennaro, Bianchi, Schiavino, Falzerano, Pestrin, Giacomini, Randall, Tripoli, Vegneduzzo, Malatesta. All: R.Pergolizzi

SALERNITANA (3-4-1-2): Iannarilli, Luciani, Molinari, Siniscalchi, Piva, Montervino, Perpetuini, Volpe, Gustavo, Ginestra, Guazzo?. All: S.Sanderra

Arbitro: Dei Giudici di Latina (ass.: Favia-Di Salvo)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ascoli-Salernitana: al Del Duca per scacciare i cattivi pensieri

SalernoToday è in caricamento