menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Salernitana

Salernitana

Barletta-Salernitana: 0-2, vittoria comoda per i Granata

Succede tutto nel primo tempo. Il calcio di rigore siglato da Ginestra ed il raddoppio di Gustavo con un colpo di testa permettono di archiviare la pratica Barletta in scioltezza

La Salernitana riparte. Troppo superiore al Barletta la squadra di mister Sanderra il quale allontana lo spettro di un esonero che aleggiava dopo la sconfitta casalinga per mano del Pontedera. Il successo in terra pugliese non fa una piega e giunge attraverso una prestazione di certo non irresistibile ma comunque pienamente sufficiente. Alcuni eccessi di disinvoltura della Salernitana (per 9/11 la stessa della gestione Perrone che l'annata scorsa ha centrato la promozione) nel secondo tempo non sono puniti da un Barletta con palesi limiti tecnici e che chiude la gara tra la contestazione del pubblico di casa.

Nel 4-3-1-2 dei Granata Pasquale Foggia non figura neppure in panchina a causa di acciacchi fisici e viene sostituito da Gustavo nel ruolo di trequartista alle spalle delle punte Guazzo e Ginestra. In mediana è Perpetuini a rivestire il ruolo dello squalificato Montervino ed in difesa è Tuia, al posto dell’altro squalificato Siniscalchi, ad affiancare Molinari al centro. Il Barletta risponde con un coperto 3-5-1-1 che annovera un folto centrocampo guidato dalle geometrie di Allegretti e Branzani ed il solo Picci quale terminale offensivo.

Spazi intasati in ogni zona del campo e molta concentrazione in avvio ed è il Barletta ad andare vicino alla rete con Picci che, all’11’, calcia di destro di poco a lato della porta difesa da Iannarilli. Qualche istante dopo è Ginestra che deve sventare di testa sulla linea di porta un insidiosissimo traversone su calcio d’angolo del Barletta. La Salernitana non riesce a dare respiro alla manovra limitandosi a lunghi lanci dalle retrovie. Al 18’ si fa viva la Salernitana con Volpe che, da favorevole posizione, si vede ribattere da un provvidenziale recupero di Di Bella la sicura conclusione a rete. Un giro di lancette dopo Allegretti chiama, su calcio di punizione, Iannarilli al comodo disimpegno. Mister Sanderra si sbraccia dalla panchina invitando i suoi ad una migliore circolazione di palla. Al 24’ Gustavo, ben imbeccato da Guazzo con un lancio dalla destra, viene atterrato in area da Prutsch: è calcio di rigore. Dal dischetto Ginestra non sbaglia e porta in vantaggio la Salernitana. A seguire i Granata prendono a comandare definitivamente il gioco ed il Barletta viene progressivamente sopraffatto. Il giusto premio alla supremazia della Salernitana giunge al 44’, quando Guazzo di testa, raccogliendo un invitante suggerimento di Gustavo, batte Liverani per il raddoppio. Squadre al riposo con la Salernitana che gioca in scioltezza contro i modesti avversari.

Nelle battute iniziali della seconda frazione di gara ritmi bassi con la Salernitana che mostra facilità nelle accelerazioni verso la porta pugliese. Ma il leit motif sembra essere un gioco al piccolo trotto avaro di sussulti con i Granata, sentendosi tranquilli, che commettono qualche errore di troppo in proiezione offensiva. Al 21’ Gustavo, tra i migliori in campo, fa partire un fendente dalla distanza che termina sul fondo di poco. Palesi le difficoltà del Barletta, ancora a quota zero alla voce reti segnate in campionato, ad imbastire trame di gioco offensive ma, al 31’, si fa viva con Pippa che incorna su angolo battuto da Di Bella e manda la sfera a lato di un nonnulla. La Salernitana gioca con disinvoltura, seppur non produttiva di alcunché, e finisce col prestare il fianco alle velleità, seppur timide, dei Biancorossi di casa. La truppa di mister Sanderra giochicchia e non crea i presupposti per siglare la terza rete che avvalorerebbe la vittoria che si sta maturando. Allo scadere del tempo regolamentare buon lavoro sulla sinistra di Rizzi che smarca l’accorrente Ginestra il quale, a sua volta, svirgola la finalizzazione ad incrociare da buona posizione. Nel secondo dei cinque minuti di recupero concessi dal direttore di gara c’è gloria per Iannarilli che, con un ottimo intervento, ribatte un tiro dai dieci metri di Branzani. Al 48’ viene espulso Perpetuini per cumulo di ammonizioni. I padroni di casa si gettano in avanti ma non c’è più tempo, la Salernitana si aggiudica per 2-0 l’incontro all’esito di una gara condotta senza particolari affanni e raggiunge quota sette punti in una classifica che, da oggi, può essere guardata con occhio più benevolo.


BARLETTA (3-5-1-1): Liverani; Romeo, Camilleri, Di Bella; D’Errico, Prutsch (dal 1' st Cane), Allegretti, Ilari (dal 13' st Legras), Pippa; Cicerelli; Picci (dal 33' Morsilio). 
A disp: Vaccarecci, Maccarone, Mantovani, Branzani
All. Orlandi.
SALERNITANA (4-3-1-2): Iannarilli; Luciani, Molinari, Tuia, Piva; Perpetuini, Esposito, Volpe; Gustavo (dal 39' st Rizzi); Guazzo (dal 23' st Ricci), Ginestra. 
A disp: Berardi, Sbraga, Capua, Zampa, Mendicino 
All. Sanderra.
Arbitro: Niccolò Baroni di Firenze. Assistenti: Angelo Bonafede e Stefano Pizzagalli
Marcatori: 24' pt su rig. Ginestra, 44' pt Gustavo
Ammoniti: D’Errico (B), Pruscia (B), Tuia (S), Guazzo (S), Perpetuini (S), Camilleri (B).

Espulso : al 49' st Perpetuini (S)

Note: pomeriggio gradevole e terreno di gioco in condizioni scadenti. Spettatori 2000 circa con 600 tifosi giunti da Salerno. Angoli:8-7. Recupero 3' pt - 5' st.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento