rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Calcio

Covid e torti arbitrali, i tifosi della Salernitana in coro: "Così è una farsa"

La differenza tecnica tra il Napoli ed i granata è abissale, ma se Davide affronta Golia senza avere neppure la fionda, si va incontro all'allenamento della domenica. E' accaduto anche allo stadio Diego Armando Maradona. I tifosi attendono rinforzi ma chiedono anche alla Lega Serie A di rivedere il protocollo anti-Covid

Dalla "lotteria del Covid" sono venuti fuori dodici-giocatori-dodici di movimento a disposizione. Gli altri sono positivi oppure non hanno potuto ottenere, di sabato, l'idoneità sportiva a tempo di record. Colantuono, allenatore della Salernitana in totale emergenza, ha fatto salire i dodici superstiti sul pullman, ha dovuto gestire anche Belec (diarrea, spasmi, poi vomito all'intervallo del derby) ed è andato a giocare contro il Napoli. Ai dodici superstiti ha potuto aggiungere un manipolo di giovani della Primavera. Cammin facendo, dopo aver già dovuto rinunciare a Ruggeri ed a Mamadou Coulibaly per acciacchi vari e contrattempi, a Lassana Coulibaly che è in Nazionale, a Ribéry che non è ancora al meglio, allo squalificato Ranieri, ha perso anche Schiavone per infortunio e Veseli per espulsione. Nel frattempo è salito anche in cattedra l'arbitro Pairetto: calcio di rigore per il Napoli al 47' del primo tempo, calcio di rigore anche nel secondo tempo, entrambi dubbi, molto dubbi. A fine gara, il direttore sportivo Sabatini ha punzecchiato con ironia: "La regola della piazzetta, ogni tre corner è calcio di rigore".

La voce dei tifosi

Il giorno dopo il derby, i supporter della Salernitana non hanno lesinato stoccate al sistema arbitrale, al protocollo anti Covid. Ecco Mimmo Rinaldi: "Commentare l'ennesimo allenamento è dura. Credo e spero sia l'ultimo. Tutti quelli attualmente in rosa hanno preso il Covid tranne qualche Highlander. Ora ripartiremo con una squadra nuova di zecca: mettiamoli in una bolla, non possiamo permetterci più neanche un raffreddore. Per quanto riguarda la pesante scoppola a Napoli, nulla si può aggiungere: la squadra vesuviana era 4 volte più forte di noi. All'arbitro direi: ma c'era bisogno di inventarti due rigori che neanche il Var ha trovato ancora? A parti invertite li avresti mai dati?. Che poi leggo tutti contro la Lega per aver permesso queste partite. Dico la mia: visto che le altre squadre anche con casi Covid giocano a viso aperto contro squadroni senza fare figuracce, ringrazio sempre la vecchia proprietà che in dieci anni non ha creato settori giovanili e per l'allestimento di una squadra indegna". Il commento di Antonio Positano: "Di più non ci si poteva aspettare. La partita che aspettavamo da tanto tempo è stata una farsa, grazie alle regole del calcio moderno. Una partita senza tifosi e senza giocatori non ha alcun senso. L’aspetto tecnico non può essere valutato ed in più si sono aggiunti due mezzi rigori. Aspettiamo i rinforzi ed è stato bello vedere dopo tanto tempo un dirigente in tv che ha difeso i nostri colori". Paolo Toscano: "Assistere a queste partite è davvero vergognoso! Non è possibile obbligare le squadre a scendere in campo quando sono falcidiate dal Covid. Quanto alla partita, va detto che la squadra ha dato tutto ma contro il Napoli e l’arbitro non si poteva fare di più". La chiosa di Ciro Troise: "Prima il Covid, poi l'arbitro. Ci mancano solo le cavallette".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid e torti arbitrali, i tifosi della Salernitana in coro: "Così è una farsa"

SalernoToday è in caricamento