rotate-mobile
Calcio

Battaglia vera tra Giffoni e Scafatese: 1-2

Napolitano porta in vantaggio gli ospiti e Giorgio subito pareggia. Ad inizio ripresa il gol partita di Alvino

GIFFONI SEI CASALI-SCAFATESE 1-2

GIFFONI SEI CASALI: Minetti, Arcaro (61' Galluccio), De Santis, Di Giacomo, Itri, Avallone, Odierna (66' Ferrara), Guerrera (61' Gubitosi), Giorgio (87' La Rocca), Senatore (79' Liguori), Fortunato. A disposizione: Pellecchia, Savastano, Romano, Acanfora. All: Messina.

SCAFATESE: Botta, Di Pasquale (60' Iommazzo), Esposito, Trezza, Masullo, Canale, Napolitano, Costantino (87' Ferrentino), Alvino (79' Iovinella), Evacuo (80' Tagliamonte), Mascolo (60' Galasso). A disposizione: Cappuccio, Manzo, Zatico, Senatore. All: Liquidato.

RETI: 20' Napolitano, 35' Giorgio, 47' Alvino.

ARBITRO: Diego Coraggio di Napoli.

Inizia con una vittoria in Coppa Italia la stagione 2022/23 della nuova Scafatese targata Liquidato: al termine di un match intenso gli uomini in maglia giallobleu riescono a imporsi di misura contro un Giffoni Sei Casali agguerrito e mai domo. Per l'esordio stagionale Liquidato schiera la sua squadra con il 4-3-3, con Botta in porta, la coppia centrale composta da Esposito e Trezza, Di Pasquale a destra, Masullo a sinistra, il centrocampo composto da Costantino, Canale e Napolitano a sostegno del tridente offensivo formato da Mascolo e Alvino a sostegno della punta centrale Evacuo. Sul prato in erba sintetica del Giannattasio bisogna attendere soltanto 20 minuti per il primo centro stagionale canarino: Napolitano scaglia un bolide dalla distanza e, con la complicità del non impeccabile Minetti, porta in vantaggio gli ospiti. I padroni di casa non si disuniscono, anzi, mostrando delle buone trame di gioco cercano di rimettere in equilibrio il match, riuscendoci poi al 35', quando Giorgio Kavin trova il tempo per staccare di testa all'interno dell'area di rigore e deposita la sfera alle spalle di Botta. Al rientro dagli spogliatoi si decide il match: su calcio di punizione dal limite dell'area il sinistro di Alvino diventa letale per Minetti e la rete che si scuote accende la miccia dei 50 supporters provenienti da Scafati. A questo punto del match i locali, pur non abbassando i ritmi di gioco, non riescono a reagire come nella prima frazione, e la Scafatese si rende nuovamente pericolosa al 67' con la punizione di Masullo deviata in angolo e, tre minuti più tardi, con il colpo di testa di Esposito che viene toccato sensibilmente dall'estremo difensore prima di infrangersi sulla traversa. Dal nuovo angolo, inoltre, è Evacuo a svettare in area, ma il colpo di testa del centravanti non trova il bersaglio. Piccolo giallo al minuto 82: dopo una mischia in area di rigore giallobleu il direttore di gara Coraggio di Napoli decreta il calcio di rigore in favore del Giffoni Sei Casali ma, dopo il consulto con il suo secondo assistente, revoca la decisione a causa di un fuorigioco da cui era scaturito il tutto. Dopo sei minuti di recupero, assegnati anche per l'infortunio al capo del calciatore Costantino, il triplice fischio finale vale per i canarini il momentaneo primato nel Girone M di Coppa Italia ma, soprattutto, la prima vera gioia della nuova era giallobleu. Domenica il team allestito dal presidente Giordano e dal direttore Vitaglione è atteso sul campo del Costa D'Amalfi per la prima giornata di campionato.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Battaglia vera tra Giffoni e Scafatese: 1-2

SalernoToday è in caricamento