Calcio

Il volo di Milan Djuric: la Salernitana batte il Genoa, tre punti di platino per la salvezza

Il gigante bosniaco entra nel secondo tempo e decide la partita con uno stacco imperioso, sugli sviluppi di calcio d'angolo. La Bersagliera conquista la prima vittoria in Serie A

Il pallone della liberazione lo calcia Obi in curva Sud, al triplice fischio. Quello della vittoria, invece, lo incorna Djuric alle spalle di Sirigu, nel secondo tempo. Vince la Salernitana, vince la sfida salvezza contro il Genoa. La Bersagliera conquista il suo primo hurrà in Serie A e si proietta a quota 4 in classifica, ora nel mischione. A fine gara, mentre Ribéry quasi richiama in campo i propri compagni, entra in campo anche l'amministratore unico Marchetti per far festa con la squadra.

Le scelte

Tante novità - volute e obbligate - nella partita salvezza. Castori ridisegna la coppia d'attacco della Salernitana: Simy con Gondo, Ribéry e Kastanos dal 1'. Il collega Ballardini, invece, deve rinunciare in extremis a Destro, infortunatosi nel riscaldamento, manda in campo Bianchi e trasferisce Ekuban dalla panchina alla tribuna. La prima conclusione nello specchio è della Salernitana: calcio d'angolo e Strandberg, di testa, all'11', colpisce debole. La presenza di Simy anziché di Djuric spinge i granata a cercare il fraseggio stretto, mentre l'ambiente è caldissimo (rovente, invece, in città, all'ora di pranzo).

La cronaca

Al 21' ci riprova Simy: debole anche stavolta, tra le braccia di Sirigu. La replica del Genoa al 23': tiro dalla destra di Sabelli, Belec respinge, perfeziona Gyomber. La Salernitana fa fatica su Kallon e un'altra folata genoana, stavolta da sinistra, rischia di costare a caro prezzo. Belec bravo nella circostanza a scegliere il tempo chiudendo lo specchio. Tra il 32' e il 33', due lampi della Bersagliera: tiro al volo di Gagliolo - di poco oltre il montante - e sponda intelligente di Gondo per Simy che non c'è. Ancora Salernitana al 34': c'è spazio per Kastanos, Sirigu ci mette i pugni ma Ribéry svirgola il possibile tap-in. Al 37', Castori è costretto a sostituire Lassana Coulibaly (problema muscolare), al suo posto c'è Di Tacchio. Brividi al 49': intercettato il filtrante di Di Tacchio, si invola il Genoa, Bianchi tenta il tiro a giro ma il pallone sibila a pochi centimetri dal palo sinistro.

Salernitana-Genoa - gallery Gambardella

L'infermeria e l'imprevisto

Dopo aver perso Lassana Coulibaly, Castori deve rinunciare all'intervallo anche a Mamadou Coulibaly (caviglia in disordine). Al suo posto c'è Obi. Problemi di sintonizzazione e mancato audio tra arbitro e assistenti: il secondo tempo comincia con qualche minuto di ritardo, come il primo.

La ripresa e la gioia

Staffilata di Francesco Di Tacchio al 2' di gioco: così la Salernitana impatta sul secondo tempo. Poi la svolta: doppio cambio, fuori Gondo e Simy, dentro Djuric e Bonazzoli, accolti dall'ovazione, anzi doppia, quando sbuca la testa del gigante Djuric dalla mischia, al 21', dopo il calcio d'angolo battuto da Kastanos. 1-0, delirio nella curva Sud Siberiano. Salernitana vicinissima al raddoppio, al 25': Di Tacchio scuote la traversa. Brividi al 38': il Genoa attacca da sinistra e conclude da destra, fuori misura, con Ghiglione. Poi il prodigio di Belec, al 46', su calcio di punizione battuto da Rovella. Finisce con l'apoteosi: la Bersagliera è di nuovo in corsa per la salvezza.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il volo di Milan Djuric: la Salernitana batte il Genoa, tre punti di platino per la salvezza

SalernoToday è in caricamento