Calcio

L'Angri impegnato in coppa con un Del Sorbo in più

Ai grigiorossi basta un pari a Sant'Agnello per qualificarsi

Giorni decisamente movimentati in casa Angri, tra il mercato per completare la rosa e le imminenti partite ufficiali. Settimana scorsa i grigiorossi hanno dovuto salutare l'attaccante Francesco Scarpa, che ha lasciato il gruppo squadra per gravi motivi personali avendo anche il benestare del presidente Armando Lanzione che ha accettato la decisione del calciatore proprio in virtù dell’importanza delle motivazioni. Nel lasciare Angri, Scarpa ha voluto ringraziare la società, i compagni di squadra e la tifoseria angrese con questo messaggio: “Sono rammaricato di dover interrompere mio malgrado il rapporto con la società US Angri 1927 per motivi familiari. Ringrazio i miei compagni di squadra, il mister e l’intero staff tecnico e dirigenziale. Un ringraziamento particolare va ai tifosi e alla società che mi hanno accolto senza farmi mai mancare nulla”. L'Angri ha disputato la gara di campionato domenica scorsa senza Scarpa, ma ha comunque strappato i tre punti a Capaccio Paestum contro il Calpazio con un secco 3-0 maturato nel primo quarto d'ora del primo tempo. In rete Varsi e Di Paola autore di una doppietta. Adesso domani i grigiorossi, essendoci la sosta di campionato, dovranno disputare il terzo ed ultimo turno di Coppa Italia contro il Sant’Agnello (gara a porte chiuse), fondamentale per la qualificazione. All'Angri basta un pareggio, essendo a pari punti (3) con il Costa d’Amalfi che ha però già disputato i suoi due match a disposizione e perdendo proprio con i grigiorossi per 2-0. Ma la dirigenza angrese proprio per sostituire Scarpa, ha perfezionato l'ingaggio di Antonio Del Sorbo, attaccante stabiese di 37 anni, proveniente dalla serie D dove era impegnato con il Gladiator. Per Del Sorbo inoltre, si tratta di un ritorno in grigiorosso dopo ben 16 anni dalla sua ultima volta.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Angri impegnato in coppa con un Del Sorbo in più

SalernoToday è in caricamento