rotate-mobile
Domenica, 29 Gennaio 2023
Calcio

La Salernitana segna e la Cremonese la riprende due volte: granata beffati all'Arechi

Dopo il gol pronti, via di Piatek, la Cremonese impatta con Okereke ma l'eurogol di Lassana Coulibaly vale il prezzo del biglietto. Non basta: la Salernitana si adagia e la Cremonese pareggia su rigore, tirato due volte

Finisce con una beffa atroce e con lo stesso risultato che maturò contro l'Empoli. La Salernitana, in vantaggio due volte, si adagia e si fa incartare dalla Cremonese ultima in classifica ma in formato trasferta (quarto pareggio di fila). Allo stadio Arechi, il 2-2 tarpa le ali ai granata, che sognavano in grande dopo il blitz allo stadio Olimpico, contro la Lazio. Si fanno invece rimontare e viene fuori una serata di rimpianti. Non è bastata Sepe, in formato Superman dagli undici metri: gli ospiti non hanno mai mollato, sono rimasti aggrappati alla partita grazie ad una gestione sonnacchiosa della Salernitana negli ultimi minuti di partita. 

La cronaca

Al primo affondo, la Salernitana passa in vantaggio. I granata muovono svelti il pallone sulla destra, dove funziona a meraviglia l'asse Mazzocchi-Candreva. Cross del numero 87, il portiere Carnesecchi è scavalcato e può solo smanacciare. Aiwu si addormenta e Piatek, rapace, scarica in rete il più furbo dei tap-in. Poi fa festa con l'esultanza del pistolero: 1-0 della Salernitana al 3'. Il ritmo della Bersagliera è tambureggiante: contropiede non completato da Bradaric, poi va al tiro Mazzocchi al 10' (alto). In mezzo, però, c'è una sbavatura della difesa - malinteso tra Lovato e Fazio, l'argentino costretto a spendere il fallo con ammonizione - che mette in guardia la Salernitana: la Cremonese è viva e vispa. 

Doccia fredda

Neppure il tempo di annotare, la Cremonese già impatta. L'errore lo commette Lovato su Tsadjout: sovrastato nel tempo e nello stacco. Il pallone spiove sulla zolla di Okereke, che di prima intenzione, al volo di sinistro, fionda il pallone alle spalle di Sepe (12'). Nuovo squillo grigiorosso al 22': movimento rapido di Tsadjout che sfugge alla marcatura di Bradaric e va al tiro, alto. La Salernitana è bloccata e Lovato in bambola: rischia tantissimo al 23' quando tocca Tsadjout in area. La Cremonese chiede il contatto decisivo e il calcio di rigore. Il Var valuta diversamente. Respirano i granata solo al 32'. Lo fanno in contropiede velocissimo: da Lassana a Dia, poi Candreva sulla destra che mette pallone alle spalle della difesa lombarda. Piatek cerca il colpo di tacco, la Salernitana invoca il fallo di mano avversario ma il Var opta per il precedente fuorigioco. 

Salernitana-Cremonese - le foto di Guglielmo Gambardella

La sveglia

La Cremonese ha il lato debole sulla fascia sinistra, destra d'attacco della Salernitana. Ci sono autostrade e vi si infila la coppia Mazzocchi-Candreva. Al termine del triangolo, al 37', Mazzocchi illumina la mattonella di Lassana Coulibaly, quasi sul dischetto, ma il centrocampista granata scivola e stecca. Si fa perdonare dopo un giro di lancette. Azione fotocopia - si sfonda a destra che è un piacere - Piatek chiede assist nel cuore dell'area, Lassana ignora, si intestardisce e va fino in fondo. Fa bene perché viene fuori un gol "alla Boulaye Dia": pallone tra le gambe di Carnesecchi e nuovo vantaggio granata al 38'. Poi Lovato rischia una nuova frittata: è molle nell'appoggio e nel disimpegno, perde il pallone sciaguratamente e Buonaiuto grazia Sepe, bravo comunque a chiudergli lo specchio. Nicola si infuria e corre sull'erba bagnata: la sua corsa termina con una rovinosa caduta sui tabelloni pubblicitari. 

La ripresa

La giornata è storta per Lovato. Il suo secondo tempo, infatti, comincia con uno scontro di gioco, in area di rigore granata. Il difensore è costretto a uscire in barella: trauma cervicale, al suo posto Pirola. Cambia posizione il capitano Fazio: lui al centro e Pirola a sinistra. Fedele alla consegna - essere pratica - la Salernitana non riesce però ad essere sempre compatta. Bradaric perde un paio di palloni ingenuamente, la Cremonese colpisce l'esterno della rete. Rischio grandissimo anche al 20': mischia furibonda in area di rigore granata dopo la smanacciata di Sepe. Nicola dà riposo a due titolari: fuori Piatek e Candreva, al loro posto Bonazzoli e Vilhena. Quest'ultimo viene schierato mezzala sinistra e Lassana cambia riferimento, sul fianco destro di Radovanovic. Il serbo al 33' tenta una giocata che non è nelle proprie corde: vede Carnesecchi fuori da pali e cerca il pallonetto da urlo, ma la conclusione è strozzata, sbilenca. La Salernitana dovrebbe addormentare il gioco e poi schizzare in contropiede. Riesce a farlo solo a tratti, anche perché al 36' Bonazzoli spreca maldestramente l'azione della ripartenza. Nicola utilizza gli ultimi due cambi: Bohinen al posto di Radovanovic e Botheim rileva Dia. Bonazzoli gestisce male anche il secondo contropiede e la Cremonese ritorna in carreggiata. 

Sepe superman

Il Var richiama l'attenzione del direttore di gara dopo il contatto in area tra Fazio e Zanimacchia. Tira due volte Ciofani e per due volte Sepe fa il miracolo, ma non basta. La prima volta, a cronometro fermo, il tap-in vincente è di Castagnetti ma il Var fa ripetere perché il giocatore della Cremonese è il primo ad invadere l'area. Al secondo tentativo, Sepe battezza bene l'angolo alla sua destra ma sul tap-in arriva di nuovo la Cremonese con tocco sotto misura di Ciofani che al 44' fa 2-2. L'arbitro concede sette minuti di recupero e la Salernitana inaugura l'assalto finale con un cross di Bohinen che Vilhena spedisce in curva. Poi sempre l'olandese decide di concludere a rete dopo uno scambio stretto al limite dell'area. Tiro sballato. Tanti rimpianti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Salernitana segna e la Cremonese la riprende due volte: granata beffati all'Arechi

SalernoToday è in caricamento