Giovedì, 18 Luglio 2024
Calcio

Gli ultras ricordano Gerardo Salvucci: a Sapri, i funerali del magazziniere granata

E' stato stroncato da un infarto in spiaggia. Nella chiesa dell'Immacolata, nel comune cilentano, i funerali alla presenza di una folta delegazione del club granata e di tifosi

E' il giorno più triste. Gerardo Salvucci, uomo buono, magazziniere della Salernitana, è stato stroncato a 55 anni da un infarto che lo ha colpito in spiaggia a Sapri, in un momento di relax, davanti al suo mare. La chiesa madre del comune cilentano, la parrocchia dell'Immacolata, lo accoglie per il suo ultimo viaggio terreno. Ai funerali delle ore 15, partecipano tutti gli amici, la Salernitana con una folta delegazione, i tifosi, in testa quelli del club Clan Granata di Policastro Bussentino. In pochi chilometri, c'è tutto il mondo di Gerardo: il lungomare dove si è spento, il bar dov'era solito fare colazione prima di acquistare un quotidiano sportivo, lo specchio d'acqua che gli regalava tonno, che poi lui inscatolava e regalava agli amici. La sera dell'11 giugno, avrebbe dovuto raggiungere l'amico Rocco, a Salerno, che lo attendeva per festeggiare i suoi 50 anni. Non è stato posssibile. 

Il lutto

In obitorio lo hanno pianto gli amici e colleghi Rosario Fiorillo, Pasquale e Mario Gaeta, i magazzinieri della Salernitana. Il team manager Salvatore Avallone, pure lui in lacrime, era a Rivisondoli quando è stato raggiunto dalla tragica notizia. Gerardo era uno della prima ora: aveva fatto il colloquio con Lotito nel 2011 a Villa San Sebastiano e l'ex segretario De Rose lo aveva contattato per coinvolgerlo nell'avventura del Salerno Calcio in D, che poi sarebbe diventato presto Salernitana, acquisiti marchio, colore e denominazione. Tutti gli impianti sportivi dove il cavalluccio marino si è disimpegnato - le sue viscere - hanno visto protagonista Salvucci, indaffarato con il bucato, la preparazione del corredo sportivo per i calciatori. In D caraicava il magazzino volante nella propria auto, prima che arrivasse anche il furgone a disposizione e percorreva la città, dallo stadio Arechi al campo Settembrino di Fratte. Lo ricordano tutti: calciatori e allenatori di ieri e di ogg. Gli ultras della Salernitana hanno esposto uno striscione all'esterno dello stadio: "Da oggi preparerai gli spogliatoi del Paradiso. Ciao Gerardo!". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli ultras ricordano Gerardo Salvucci: a Sapri, i funerali del magazziniere granata
SalernoToday è in caricamento