rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Calcio

Salernitana in crisi: il Cagliari è alle porte, tifosi delusi, Colantuono in bilico

La Salernitana ondeggia tra la ripartenza con la forza della disperazione e la delusione per la sconfitta contro la Sampdoria. La partita contro il Cagliari è ormai alle porte - si gioca venerdì sull'isola - ma i supporter sono amareggiati per il campionato di stenti

La Salernitana ondeggia tra la ripartenza con la forza della disperazione e la delusione per la sconfitta contro la Sampdoria. La partita contro il Cagliari è ormai alle porte - si gioca venerdì sull'isola - ma i supporter sono amareggiati per il campionato di stenti, l'incertezza che si estende dal campo al futuro del club e viceversa. Mentre i trustee invitano a rimodulare le offerte di acquisto, i supporter invitano Colantuono a cambiare spartito, la società a valutare l'opportunità di cambiare di nuovo manico. E' stata concessa ancora fiducia, forse a tempo: sarà determinante il risultato che la Salernitana conseguirà a Cagliari, contro l'altra Cenerentola del campionato di Serie A.

La voce dei tifosi

Antonio Positano: "La partita è stato un disastro. In questi casi paga chi si siede in panchina per tutto il secondo tempo. Deve andare via subito Colantuono e si deve prendere un allenatore di categoria. Togliere Kastanos e prendere un gol come il secondo dovrebbe far dimettere il nostro tecnico ed anche il nostro direttore sportivo che ha allestito la squadra". Paolo Toscano: "Sinceramente non saprei da dove cominciare. Colantuono ha messo in campo una formazione inguardabile sia dal punto di vista degli uomini e sia, soprattutto, dal punto di vista delle idee. I calciatori sembrano scendere in campo con la consapevolezza di aver già perso la partita e, salvando qualcuno, non sembrano all’altezza di un campionato di massima serie. La società ed in particolar modo Fabiani, ha allestito una rosa pessima e il contratto a Colantuono è soltanto la ciliegina sulla torta. La partita contro la Sampdoria andava vinta a tutti i costi ed invece abbiamo fatto un solo tiro in porta". Adesso Cagliari ma l'umore della tifoseria è pessimo, c'è sfiducia. Mario De Rogatis: "Credo che questa sia la più grande mortificazione subita da una straordinaria tifoseria come la nostra. Abbiamo atteso 23 anni per vedere i vari Di Tacchio, Schiavone e Gyomber vestire la maglia granata sui campi della serie A. Il duo encomiabile Marchetti-Fabiani merita un plauso". Ciro Troise sfodera uno SCARSI, così composto: "Siamo Caduti Ancora: Rialzarsi Sarà Impossibile".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salernitana in crisi: il Cagliari è alle porte, tifosi delusi, Colantuono in bilico

SalernoToday è in caricamento