Sabato, 13 Luglio 2024
Calcio

La Salernitana è attesa dalla gara-verità con il Frosinone, la voce dei tifosi: "Obbligatorio vincere"

Non è tanto lo 0-3 a fare a rumore quanto la percezione-evidenza di una squadra troppo fragile e prevedibile senza i suoi pilastri Dia e Lassana Coulibaly

Preoccupa la sconfitta con il Torino, la seconda di fila. Non era mai successo, da quando Sousa allena la Salernitana. Non è tanto lo 0-3 a fare a rumore quanto la percezione-evidenza di una squadra troppo fragile e prevedibile senza i suoi pilastri Dia e Lassana Coulibaly. Ci vuole tempo per assemblare e ci vuole tempo per restituire i due giocatori-perno alla causa granata, ma il campionato di Serie A non aspetta e urge subito sterzare.

La voce dei tifosi

Antonio Positano: "Prestazione frutto di tutto quello che è successo. È frutto delle continue lamentele di Paulo Sousa che destabilizzano l’ambiente e forniscono alibi ai giocatori. Una volta per tutte dobbiamo smettere di farci male da soli e chi allena questa squadra ne deve essere orgoglioso. Non abbiamo bisogno di alibi ma abbiamo bisogno di un allenatore che creda nei suoi giocatori considerandoli funzionali agli obiettivi". Paolo Toscano: “È stata davvero una brutta partita. Si è avuta la dimostrazione che la squadra è incompleta in tutti i reparti. Inoltre anche l’allenatore è sembrato in confusione e la squadra sembrava disorientata. Sono molto preoccupato! Speriamo che già dalla prossima gara riusciremo a fare risultato pieno". Mario De Rogatis: " C'è poco da commentare, di cosa vogliamo parlare? Della qualità dei nuovi acquisti? O della capacità realizzativa di Botheim? O addirittura di sfortuna per il clamoroso palo di Cabral che poteva cambiare indirizzo alla gara? In realtà la squadra è sfilacciata, si disunisce al primo affondo avversario, pare rassegnata alla sconfitta e priva di mordente. Senza Dia e Coulibaly non siamo competitivi, ma a parte ciò, ci siamo nettamente indeboliti rispetto alla scorsa stagione. Se giochiamo così rischiamo anche contro il Frosinone venerdì, serve una sterzata radicale". Ciro Troise: "Mi ha ricordato la Salernitana post mondiale. Assenze pesanti sicuro ma non abbiamo sostituti all’altezza. Se aggiungiamo le solite amnesie difensive frittata inevitabile". Il commento di Mimmo Rinaldi: "Che non giri tutto per il verso giusto si è capito sin da giugno, prima del ritiro. Parlo di sfortuna con un pizzico anche di sfrocoliare la sfortuna. Al centro del centrocampo siamo pochi allo stesso tempo ci ostiniamo cocciuti a commettere gli stessi errori. Per non parlare dell'attacco: se non c'è Dia non segniamo neanche se la porta la fanno grande come un attico al Crescent. In difesa invece ci siamo, non vedo molta differenza: subiamo gli stessi gol che incassavamo l'anno scorso. In questo momento abbiamo bisogno che l'allenatore  non faccia danni. Non bisogna inventarsi nulla. Speriamo". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Salernitana è attesa dalla gara-verità con il Frosinone, la voce dei tifosi: "Obbligatorio vincere"
SalernoToday è in caricamento