rotate-mobile
Calcio

Salernitana in crisi, la voce dei tifosi: "Squadra senza ritmo e idee, l'allenatore ha responsabilità"

I tifosi esternano disappunto per l'epilogo della partita e preoccupazione per il futuro immediato. Erano presenti in 4mila nel settore ospiti e il Sassuolo ha costretto tutti - squadra, società, ambiente - ad un bagno di umiltà

Slegata, sfilacciata, sculacciata: la Salernitana ha offerto il peggio di sé a Mapei Stadium di Reggio Emilia, contro il Sassuolo, e il presidente Danilo Iervolino ha lasciato furioso lo stadio. E' in ballo adesso il destino dell'allenatore Davide Nicola, che potrebbe anche godere di una fiducia a termine andando al rischiatutto domenica 9 ottobre allo stadio Arechi, contro l'Hellas Verona. Nel frattempo i tifosi esternano disappunto per l'epilogo della partita e preoccupazione per il futuro immediato. Erano presenti in 4mila nel settore ospiti e il Sassuolo ha costretto tutti - squadra, società, ambiente - ad un bagno di umiltà. 

Crisi di risultati: Nicola a rischio

La voce dei tifosi

I commento di Mario De Rogatis: "Come si fa a commentare un 5 a 0, con una prestazione ridicola e indecente, tra l'altro contro una squadra tutt'altro che irresistibile? Siamo usciti da Torino credendo di essere una grandissima squadra e ora dovremo sudare tanto per arrivare almeno diciassettesimi. Quando si gioca con lentezza, prevedibilità e senza intensità per tutti i 90 minuti, la colpa principale è da attibuire principalmente alll'allenatore, che ha preparato malissimo l'incontro. In 180 minuti abbiamo perso 6 punti dal Monza e 4 dal Lecce, continuando così la vedo difficile". La delusione di Mimmo Rinaldi: "L'attesa della partita, 5mila spettatori che ti seguono e poi? Black out. Mai arrivati a Reggio Emilia... Stanno ancora in viaggio. Completamente toppata la partita: giocare sempre alla stessa maniera non porta a nulla. Proviamo a cambiare sistema di gioco? Eh e chi lo sa! Dobbiamo attendere il Verona. La Bersagliera ha vinto solo contro la Sampdoria, poi qualche pareggio tappa buchi. I gol subiti sono tanti. Ma non riusciamo a porre rimedio? E allora proviamo a cambiare sistema proviamo a far giocare chi ne ha di più. Al Mapei Stadium è stato umiliante". La riflessione di Paolo Toscano: "C’è poco da commentare. Credo che Nicola debba fare mea culpa perché la squadra è scesa in campo senza idee e l'allenatore non è riuscito nemmeno a rimediare con i cambi. Occorre dare subito una sterzata e sfruttare appieno l’enorme potenziale che il mister ha a disposizione. Archiviamo questa brutta prestazione e guardiamo avanti". Antonio Positano: "Prestazione incommentabile e risultato figlio della prestazione. La squadra era sta messa male in campo ed il cambio di modulo è stato tardivo. Le dichiarazioni del direttore sportivo sono state chiare facendo trasparire un malcontento per la gestione tecnica. Nicola non piace alla società che deve far chiarezza e decidere se andare avanti con Nicola o cambiare obiettivi. Non meritiamo di fare 11 ore di auto ed assistere a spettacoli di tal genere". La chiosa di Ciro Troise: "Dimenticare la gara contro la Juventus. Ripeto: dimenticare la gara contro la Juventus.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salernitana in crisi, la voce dei tifosi: "Squadra senza ritmo e idee, l'allenatore ha responsabilità"

SalernoToday è in caricamento